Mondoposte.it
Luglio 02, 2020, 20:10:23 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]   Vai giù
  Stampa  
Autore Discussione: La parentopoli delle Poste, indagini interne in Cisl e Uil  (Letto 13286 volte)
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
labbati
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 259


« inserito:: Ottobre 22, 2014, 18:44:39 »

Bernava e Barone: "Non ne sapevamo nulla". Via alle verifiche, incarichi a rischio. Il meccanismo delle assunzioni "pilotate" e il ruolo delle agenzie interinali

di EMANUELE LAURIA

È L'ORA dello smarrimento, dello sdegno, delle ispezioni interne. I vertici di Cisl e Uil vengono travolti dal caso della parentopoli alle Poste, rivelata ieri da Repubblica, che vede coinvolti i congiunti di esponenti di diversi sindacati. Tutti assunti, attraverso agenzie interinali, negli organici dell'azienda. I segretari delle maggiori sigle interessate prendono le distanze dal comportamento dei propri iscritti ma chiedono tempo prima dell'adozione di eventuali provvedimenti. Al momento, non c'è alcun atto nei confronti di chi, chiamato a difendere i lavoratori del settore, avrebbe approfittato del ruolo per piazzare propri congiunti nell'azienda- controparte. Maurizio Bernava, segretario della Cisl Sicilia, di buon mattino ha letto la notizia e ha chiamato i responsabili regionali e nazionali della federazione di categoria: "Ho chiesto conto e ragione di questi comportamenti. Sono arrabbiato. Per colpa di pochi si rischia di vanificare il lavoro del sindacato". Bernava dice di aver appreso solo dal giornale dell'ultima parentopoli dentro Poste Italiane.

"La responsabilità  -  dice il leader della Cisl Sicilia  -  è di qualche singolo rappresentante, che rischia non solo di ledere l'immagine dell'organizzazione ma di togliere credibilità all'importante lavoro fatto in delicatissime vertenze che riguardano la ristrutturazione dell'azienda e gli esodi. Non posso che condannare questi casi che violano buon senso ed etica". Provvedimenti nei confronti degli iscritti? "La Cisl ha un codice etico, che prevede sanzioni solo in caso di procedimenti giudiziari. Ma stiamo verificando le situazioni, credo che queste cose, prima o poi, si pagheranno".

Il segretario della Uil Claudio Barone trattiene a stento l'irritazione: "Non c'è dubbio che è una vicenda che non fa bene al sindacato. Io non sapevo proprio nulla di assunzioni alle Poste di parenti di esponenti della mia organizzazione che peraltro non è, ahimè, fra le più rappresentative nel comparto. Ho già avviato una verifica interna. Perché bisogna capire come sono stati fatti questi contratti. Poi prenderemo i provvedimenti del caso". Ma attraverso quale meccanismo sarebbero avvenute le assunzioni dei congiunti dei sindacalisti? Giuseppe Lanzafame, segretario regionale della Slp Cisl, dice: "Ovviamente non conosco le vicende nel dettaglio ma queste assunzioni scavalcano il livello regionale, vengono decise direttamente dalla direzione nazionale delle Risorse umane, a Roma. Quindi, se c'è stato un accordo, questo è avvenuto direttamente fra il sindacalista e la dirigenza di Poste, con l'intermediazione di agenzie di lavoro interinale. Mi risulta che il dipendente assunto attraverso questo meccanismo deve comunque aver superato due selezioni, in agenzia e in azienda".

Ma in quanti erano davvero informati del reclutamento di questo tipo di personale da parte di Poste? Quanti, insomma, sapevano dei "contratti di somministrazione lavoro" messi in palio dall'azienda per "rafforzare il settore commerciale" (così ha detto il sottosegretario Bellanova a Montecitorio) proprio mentre la pubblicità era tutta per il maxi-bando sul web per la ricerca di 1.070 fra portalettere e addetti allo spostamento? Nei dati forniti dal sottosegretario, sono stati solo 5 i contratti di somministrazione stipulati in Sicilia nel 2014, di cui tre diventati a tempo indeterminato. Ma il deputato del Pd Franco Ribaudo, che ha sollevato il caso, parla di "70 assunzioni fatte quest'anno con questa procedura". E in ogni caso il segretario non parla dei contratti stipulati negli anni passati. Insomma, le zone d'ombra restano tante. E il sospetto è che, in una situazione di scarsa trasparenza, abbiano prevalso le "raccomandazioni" di qualche sindacalista.

L'unica certezza, al momento, sono i nomi di alcuni degli assunti: Giacomo Affatigato, figlio di Maurizio Affatigato, segretario della Slp Cisl Poste di Palermo; Veronica Curia, figlia di Giovanni, segretario aggiunto della Silp Cisl Poste di Palermo (che proprio lunedì ha lasciato il sindacato bianco); Andrea D'Antoni, figlio di Giuseppe, segretario nisseno sempre della Slp Cisl; Antonella Canfora, figlia di Luigi, segretario della Uil Poste di Messina; Ambra Di Bernardo, figlia di Carmelo Di Bernardo, segretario della Uil poste di Agrigento; Patrizia Cantarero, moglie del segretario della Uil poste di Catania Eugenio Cambri; Doriana Li Causi, figlia del segretario Ugl di Trapani Pietro Li Causi; Ivana Aprile, figlia del segretario regionale della Sailp Confsal Lucio Aprile. Ma ora, usciti i primi nomi, negli stessi ambienti sindacali si minacciano altri dossier. Un effetto slavina destinato ad allargare la parentopoli.

http://palermo.repubblica.it/cronaca/2014/10/22/news/la_parentopoli_delle_poste_indagini_interne_in_cisl_e_uil_chi_ha_sbagliato_pagher-98745448/
Registrato
Angelo64
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 6795



« Risposta #1 inserito:: Ottobre 23, 2014, 00:40:57 »

Mi dispiace che venga nominata la Sicilia come se fossero cose che accadano solo al Sud e che non sono mai esistite in Poste.
Mi ricordo di un collega che entrò in Poste perché figlio di sindacalista cisl. Il punto è che successe a Milano 20 anni fa.

Registrato

la certezza è degli sciocchi, ma nel dubbio la precauzione è dei furbi
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #2 inserito:: Ottobre 23, 2014, 07:06:55 »

indubbiamente  è una pratica comune a tante etnie italiane, resta il fatto che comunque quelli di cui si vocifera di piu siano stati assunti aum aum chissà perchè sono quasi tutti "diggiù". che poi vengano assunti al nord questo ha poca importanza, anche perchè "su" di su ormai ce ne sono pochi. del resto la stroria dei flussi migratori in italia ce lo insegna, non è certo una mia invenzione.

milano, torino, genova, brescia. autoctoni mica tanto.

e non datemi del razzista, questa è storia, storia italiana. negli anni del boom economico la fiat e le poste, assieme ai vari ministeri,  hanno piu unificato l'italia che qualsiasi altra cosa

ricordo che nell'ufficio personale viaggiante della stazione di milano, quando riposavo sdraiato su una panca in attesa di tornare nel mio ufficio, con glimocchi chiusi non sembrava sicuramente di essere a milano. quello era un dialetto che non esisteva in qual luogo, un po di nordico lo si sentiva solo se arrivavano i PV da venezia. per il resto.........

ricordo anche che negli anni 90 un ministro , siciliano, fece una legge per le assunzioni di invalidi civili, peccato che poi parlando con alcuni di essi NON sapessero di che malattia soffrivano, ed erano ""diggiù".

comunque giusto per chiudere, anche i nordisti tengono famiglia e si arrangiano come possono, magari non hanno bisogno di un trasferimento ma di una assunzione si.

non è una questione regionale.
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #3 inserito:: Ottobre 23, 2014, 07:09:05 »

e poi, mi sembra che abbiano scoperto l'acqua calda, il sistema per alcuni è quello, ricordate, per esempio la parentopoli all'università di bari?
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
futuro?
Full Member
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 623


« Risposta #4 inserito:: Ottobre 23, 2014, 21:43:27 »

Concordo con Gianni. Da quello che ho visto finora i sindacati del nord sono quasi tutti meridionali, quindi nord e sud la mentalità del sindacato postale è quella che sappiamo...attenzione sono meridionale. Non a caso succedono le porcate e le cose più indegne che ledono i diritti di lavoratori onesti o che non hanno uguali possibilità. è assurdo aspettare anni la mobilità se poi i posti li prendono loro...è una vergogna, spero che non finisca a tarallucci e vino!!
Registrato
mailman
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 438


« Risposta #5 inserito:: Ottobre 24, 2014, 04:19:57 »

Mah. Speriamo che serva per il futuro. Magari non avremo più assunti inidonei al mestiere per cui sono assunti o promozioni a ruoli di responsabilità per personale non adatto a tali mansioni.
Registrato
loshar78
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 219


« Risposta #6 inserito:: Ottobre 24, 2014, 05:05:11 »

Mi dispiace che venga nominata la Sicilia come se fossero cose che accadano solo al Sud e che non sono mai esistite in Poste.
Mi ricordo di un collega che entrò in Poste perché figlio di sindacalista cisl. Il punto è che successe a Milano 20 anni fa.



io conosco una collega assunta nel 2007 con il padre sindacalista.
questa non aveva mai fatto la trimestrale
siamo nella provincia di bo non milano
Registrato
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #7 inserito:: Ottobre 24, 2014, 07:14:10 »

io conosco una collega assunta nel 2007 con il padre sindacalista.
questa non aveva mai fatto la trimestrale
siamo nella provincia di bo non milano
strana precisazione, a bo, che dovrebbe essere bologna e non si capisce perché non lo hai scritto come milano, dicevo, a bologna sono tutti bolognesi? ci sono stato a bologna,  e anche li non era molto diverso da milano.
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
loshar78
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 219


« Risposta #8 inserito:: Ottobre 24, 2014, 11:27:00 »

Bravo! Bo sta per bologna.
La collega è nata a bologna dove attualmente lavora facendo la sportellista dopo aver fatto la postina per qualche anno. Il padre sinceramente non so' dove sia nato.
Registrato
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #9 inserito:: Ottobre 24, 2014, 17:38:08 »

io ne ho conosciuti tanti che a dispetto di altri dopo un paio di mesi sono tornati tutti ""ggiù"".

ma ti pare che dobbiamo continuare sto discorso? al nord come al sud ci sono i raccomandati. interi quartieri di invalidi civili, famiglie intere assunte nella stessa azienda di stato, assistenzialismo si chiama è ha molte forme e sfaccettature, presente su tutto il territorio a prescindere dalle origini del richiedente, perchè questo non è da dimenticare, c'è chi chiede e chi offre.

ma ci sono anche quelli che non chiedono perchè non sanno a chi chiedere e poi, magari, si incazzano quando scoprono come si poteva fare.


Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #10 inserito:: Ottobre 24, 2014, 17:39:58 »

a me francamente non mi fa incazzare chi chiede, magari lo fa per sfamare la famiglia, a me fa incazzare chi offre o chi fa FINTA DI NON SAPERE e poi, magari, in seguito ad una denuncia fanno i paladini della legalità
« Ultima modifica: Ottobre 24, 2014, 17:40:18 da gianni il vecchio » Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
loshar78
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 219


« Risposta #11 inserito:: Ottobre 25, 2014, 22:05:06 »

a me fa incazzare essere una scorta in un paesino di montagna e non poter lavorare dove ora stanno assumendo ctd per carenze di personale.
Registrato
meritocrazia
Newbie
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 18


« Risposta #12 inserito:: Novembre 09, 2014, 22:53:14 »

Credo che sia un sistema consolidato tra uffici risorse umane e sindacati. A Bologna si sono viste grandi porcate. Persone assunte nel ruolo di commerciali o nello stesso ufficio risorse umane senza rispettare le liste delle selezioni e senza badare ai titoli di studio perché figlie di dirigenti di poste o perché racc. dal potente Marchio...     Speriamo che la magistratura arrivi presto a fare chiarezza.
Registrato
Angelo64
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 6795



« Risposta #13 inserito:: Novembre 11, 2014, 00:14:59 »

 Speriamo che la magistratura arrivi presto a fare chiarezza.

Anche sulle prossime elezioni Fondoposte. Non mi va di chiarire, perché quello che sta per avvenire non è bello, vi dico solo che si riferisce alla modalità di voto on-line.

Registrato

la certezza è degli sciocchi, ma nel dubbio la precauzione è dei furbi
meritocrazia
Newbie
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 18


« Risposta #14 inserito:: Novembre 11, 2014, 22:06:11 »

Sulle elezioni di fondo poste......... i candidati sono tutti sindacalisti (nessuno ha una laurea in economia e forse non riusciranno a capire come si gestisce un fondo). I sindacati non hanno nemmeno fatto una consultazione tra gli iscritti su chi candidare o meno. Si sono presentati con le liste già fatte..... Non dico di fare delle primarie ma un minimo di democrazia e di partecipazione tra gli iscritti credo sia doveroso, sopratutto considerando che i candidati andranno a comporre un consiglio di amministrazione che dovrà gestire i nostri soldi.                                                                                                                          Mi chiedo anche a quanto ammontano gli emolumenti dei componenti del consiglio di amministrazione. Ma sopratutto mi chiedo se il sindacalista cumuli questi emolumenti con lo stipendio da sindacalista.              Ci vuole senz'altro più trasparenza.
Registrato
futuro?
Full Member
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 623


« Risposta #15 inserito:: Novembre 12, 2014, 09:03:48 »

Sulle elezioni di fondo poste......... i candidati sono tutti sindacalisti (nessuno ha una laurea in economia e forse non riusciranno a capire come si gestisce un fondo). I sindacati non hanno nemmeno fatto una consultazione tra gli iscritti su chi candidare o meno. Si sono presentati con le liste già fatte..... Non dico di fare delle primarie ma un minimo di democrazia e di partecipazione tra gli iscritti credo sia doveroso, sopratutto considerando che i candidati andranno a comporre un consiglio di amministrazione che dovrà gestire i nostri soldi.                                                                                                                          Mi chiedo anche a quanto ammontano gli emolumenti dei componenti del consiglio di amministrazione. Ma sopratutto mi chiedo se il sindacalista cumuli questi emolumenti con lo stipendio da sindacalista.              Ci vuole senz'altro più trasparenza.

quoto! la trasparenza è una parola che l'azienda/sindacati disconoscono...
Registrato
CaféNoir
Newbie
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 41



« Risposta #16 inserito:: Novembre 27, 2014, 21:40:39 »

È un'azienda che nasce dalla diramazione statale che aveva quasi come unico scopo quello di fare assistenzialismo in un contesto economico e sociale relativo al dopoguerra... ma di cosa vi meravigliate!?!?!?!? come fanno a cascare gli asini dalle nuvole???....
Registrato
Azimutuno
Utente non iscritto
« Risposta #17 inserito:: Novembre 28, 2014, 00:14:21 »

È un'azienda che nasce dalla diramazione statale che aveva quasi come unico scopo quello di fare assistenzialismo in un contesto economico e sociale relativo al dopoguerra... ma di cosa vi meravigliate!?!?!?!? come fanno a cascare gli asini dalle nuvole???....

Ma quanto deve durare questo dopoguerra ?
Registrato
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #18 inserito:: Novembre 28, 2014, 08:09:14 »

È un'azienda che nasce dalla diramazione statale che aveva quasi come unico scopo quello di fare assistenzialismo in un contesto economico e sociale relativo al dopoguerra... ma di cosa vi meravigliate!?!?!?!? come fanno a cascare gli asini dalle nuvole???....
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #19 inserito:: Novembre 28, 2014, 08:10:42 »

Ma quanto deve durare questo dopoguerra ?

da circa una decina d'anni che stanno provvedendo a disfare il vecchio carrozzone, ma è difficile, molto difficile.
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
Azimutuno
Utente non iscritto
« Risposta #20 inserito:: Novembre 28, 2014, 09:24:31 »

Allora LARGO AI GIOVANI.
Registrato
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #21 inserito:: Novembre 28, 2014, 11:35:51 »

Allora LARGO AI GIOVANI.

però lasciami fare un appunto sui giovani: esserlo non è sinonimo di novità, di freschezza, di legalità ne tanto meno di "bene".

che poi ci sia un largo, beh, mi pare ovvio, mica si vive in eterno.

a giudicare dalle lamentele sui "maneggi" perpetrate per entrare in posta negli ultimi anni direi che essere giovani non è proprio un salvacondotto a certe pratiche.
« Ultima modifica: Novembre 28, 2014, 11:38:25 da gianni il vecchio » Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
Azimutuno
Utente non iscritto
« Risposta #22 inserito:: Novembre 28, 2014, 12:52:57 »

Mi ripeto, non hanno "condizionamenti" di sorta, non devono aver "favori" dai capi clan. L' Italia è stata fatta da massimo trentenni, hanno "fame" e devono mettersi in testa che dopo il loro turno ci sono altri GIOVINI che dovranno prendersi in carico lo sviluppo del paese.
Tutto l'opposto della classe dirigente attuale Italiana (60/80 anni).
Registrato
Azimutuno
Utente non iscritto
« Risposta #23 inserito:: Novembre 28, 2014, 14:46:26 »

Tanto per parlar di corda in casa dell'impiccato ecco il "FUTURO":  http://it.wikipedia.org/wiki/Luca_Cordero_di_Montezemolo

 
Registrato
Pagine: [1]   Vai su
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!