Mondoposte.it
Novembre 26, 2020, 21:21:05 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]   Vai giù
  Stampa  
Autore Discussione: successione conto corrente postale  (Letto 8126 volte)
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
claudio4591
Newbie
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 6


« inserito:: Giugno 03, 2015, 18:30:45 »

Salve, innanzitutto volevo ringraziare per l'importante servizio che questo sito offre agli utenti.
La domanda riguarda la situazione in cui mia zia, già vedova,  si è venuta a trovare dopo la improvvisa scomparsa della figlia che era titolare di un conto corrente postale. Mia zia ha anche un figlio ma, sfortunatamente, i loro rapporti non sono buoni anzi, non si parlano proprio.
Mia zia ha 87 anni e nonostante sia in grado di intendere e volere necessita di un aiuto per le incombenze domestiche, come accertato da un certificato medico. Il problema è che il figlio di mia zia non ha alcun interesse di recarsi assieme alla madre per ritirare la somma in giacenza nel conto corrente postale; lui attende cinicamente che la madre muoia così da incassare l'intero importo (circa 70.000€), mentre attualmente la madre ha reale necessità di tale importo per pagare la signora che la accudisce. Quindi, se possibile, desideravo sapere come poter procedere per far sì che mia zia possa trasferire quanto le spetta nel suo libretto postale. La successione è stata presentata dal figlio presso l'ufficio delle entrate Roma 5 ma mia zia non ha alcuna copia in quanto il figlio si è rifiutato di consegnarle una copia.
Ringrazio anticipatamente di cuore chi saprà aiutarmi a risolvere questo problema.

Grazie

Claudio
Registrato
stefi84
Utente non iscritto
« Risposta #1 inserito:: Giugno 03, 2015, 20:21:25 »

Il conto era intestato solo alla figlia?
Mi par di capire che Ia successione non è stata avviata alle poste. Comunque in caso di disaccordo fra gli eredi bisogna presentare un provvedimento autorizzativo dell'AG che autorizza poste a liquidare la somma alla madre e accantonare la somma  spettante al figlio.
Perché non provare a intimorire il figlio dicendogli che se non acconsente la madre fara' un testamento olografo per lasciare la quota disponibile a le nipote, o peggio a una  onLus. Cosi da fargli capire che non potrà arraffare il malloppo
Registrato
claudio4591
Newbie
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 6


« Risposta #2 inserito:: Giugno 04, 2015, 07:57:42 »

Gentile Stefi84,
grazie per la risposta.
Sì, il conto era intestato solo alla figlia.
Di recente ho letto che esiste una sentenza della Cassazione S.U.del 28.11.2007 n.24657, dove si evince che si può farsi liquidare la percentuale dell'importo giacente anche singolarmente, dopo aver presentato la successione alla Posta (mod.240) si deve andare dal Notaio che provvederà a redigere un Atto Notorio che libera da ogni responsabilità le Poste.

Potrebbe essere questa la strada giusta?

Grazie in anticipo

Claudio
Registrato
Angelo64
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 6959



« Risposta #3 inserito:: Giugno 05, 2015, 20:12:07 »

  Di recente ho letto che esiste una sentenza della Cassazione S.U.del 28.11.2007 n.24657

Ciao Claudio
A me risulta diversamente anzi Ti riporto il seguente link che Ti chiarisce la normativa sull'argomento:
https://www.arbitrobancariofinanziario.it/decisioni/categorie/Conto%2520corrente%2520bancario%2520e%2520postale/Scioglimento%2520del%2520rapporto/Dec-20120613-2012.pdf

Purtroppo si parla di scorporo, per quanto ne so io, solo per libretti postali e BFP e solo in particolari situazioni.

L'unica soluzione, purtroppo, nel caso della signora è solo giudiziaria. Vista le condizioni di salute della signora costei può richiedere un procedimento d'urgenza (ex art. 700 c.p.c.), anche se tutta ciò è una brutta situazione.
     Angelo

Registrato

la certezza è degli sciocchi, ma nel dubbio la precauzione è dei furbi
claudio4591
Newbie
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 6


« Risposta #4 inserito:: Giugno 06, 2015, 06:50:24 »

Grazie Angelo64,

molto interessante il link. Leggendo quanto riportato si evince che la Filiale ha liquidato al ricorrente il 50% del saldo liquido sul conto corrente mentre non hanno liquidato i Titoli collegati a tale conto.
Nel mio caso quindi, dato che si tratta di saldo liquido sul conto corrente, secondo quanto previsto dalla sentenza di Cassazione e in questo esempio riportato, mia zia dovrebbe poter ricevere il 50% delle liquidità.

Ti sono molto grato per questo link.

Cordiali Saluti
Registrato
stefi84
Utente non iscritto
« Risposta #5 inserito:: Giugno 06, 2015, 10:49:50 »

mi sembra Claudio che non sia cosi'. Io ho capito proprio il contrario. Se non ho capito male, il 50% e' la quota spettante al cointestatario. Non e' il tuo caso, visto che il conto era intestato solo alla  sorella.
Registrato
claudio4591
Newbie
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 6


« Risposta #6 inserito:: Giugno 06, 2015, 13:03:36 »

Sì Angelo, hai ragione. Ho letto di fretta.....
Comunque credo che con l'Atto notorio si possa riuscire a far prelevare a mia zia il 50% a lei spettante.


Grazie e saluti

Claudio
Registrato
Pagine: [1]   Vai su
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!