Mondoposte.it
Marzo 26, 2019, 01:49:38 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]   Vai giù
  Stampa  
Autore Discussione: destinazione Tfr  (Letto 15778 volte)
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
Galadriel
Full Member
***
Scollegato Scollegato

Sesso: Femmina
Messaggi: 862

...la speranza eternamente sorge...Pope


« inserito:: Marzo 25, 2010, 10:39:47 »

salve a tutti, avrei una domanda per i colleghi del Retail commerciale:conviene destinare il tfr al fondo poste? quanto rende?
inoltre quale fondo pensionistico integrativo mi consigliate?
grazie mille a chi mi risponderà Wink
Registrato

pos. Naz. 10384 Napoli... MILANO BAGGIO 1 Aprile-30 Settembre
cos e pazz dind a stu manicomio!
jess
Full Member
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 845


« Risposta #1 inserito:: Marzo 25, 2010, 12:00:06 »

salve a tutti, avrei una domanda per i colleghi del Retail commerciale:conviene destinare il tfr al fondo poste? quanto rende?
inoltre quale fondo pensionistico integrativo mi consigliate?
grazie mille a chi mi risponderà Wink

io ho aderito a fondoposte ..già fatto tutti gli incartamenti e spedito a Roma..me l hanno consigliato i sindacati ..se è un bene o un male non lo so ..ma tanto tutto mondo è paese!
Registrato

nazionale 10296
Galadriel
Full Member
***
Scollegato Scollegato

Sesso: Femmina
Messaggi: 862

...la speranza eternamente sorge...Pope


« Risposta #2 inserito:: Marzo 25, 2010, 12:01:46 »

io vorrei tanto capirci qualcosa, credimi.... idiot2
Registrato

pos. Naz. 10384 Napoli... MILANO BAGGIO 1 Aprile-30 Settembre
cos e pazz dind a stu manicomio!
jess
Full Member
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 845


« Risposta #3 inserito:: Marzo 25, 2010, 12:04:00 »

bo che devo dirti ..io sono dell idea che qualcunque fondo si aderisce qualcosa di losco cè sempre ..quindi meglio aderire a fondoposte ..anche perchè hai 6 mesi di tempo per decidere ..vedi tu
Registrato

nazionale 10296
PancO
Utente non iscritto
« Risposta #4 inserito:: Marzo 25, 2010, 12:14:46 »

io vorrei tanto capirci qualcosa, credimi.... idiot2

fondoposte, se non ricordo male, ha suddiviso il patrimonio in 4 parti e lo ha affidato a 4 gestori (SIM) differenti

il rendimento è stato ottimo fino ad ora, me nessuno può garantirti, e questo per qualsiasi fondo, che lo sia in futuro.

l'unica differenza rispetto ad altri è che con fondoposte l'azienda versa l'1,50%, cosa che non fa se aderisci ad un altro fondo.
Registrato
Galadriel
Full Member
***
Scollegato Scollegato

Sesso: Femmina
Messaggi: 862

...la speranza eternamente sorge...Pope


« Risposta #5 inserito:: Marzo 25, 2010, 14:08:45 »

fatemi capire una cosa: la destinazione al fondo poste del tfr conviene farla perchè rende abbastanza bene a quanto ho capito; ma conviene destinare una parte della retribuzione in un  altro fondo per ottenere una pensione integrativa, ulteriore a quella che il fondo poste garantisce con il tfr?
io so che la destinazione del tfr conviene farla in azienda, soprattutto in una grande come la nostra perchè siamo sicuri di vedere la pensione quando sarà arrivata l'età pensionabile.
per quanto riguarda il fondo pensionistico integrativo, ho capito che si tratta di una scelta irreversibile nel senso che una volta che si è aderito nn si può + tronare indietro ma si può solo passare da un fondo integrativo all'altro.
in pratica nn c'è clausola di recesso nonostante siano maggiormente rischiosi perchè il 75% delle somme investite vengono puntate in borsa su azioni di vario tipo. una soluzione del genere può rendere di + ma è suscettibile alle variazioni borsistiche che nel lungo periodo sono imprevedibili.
ora la domanda è: si può non aderire al fondo pensionistivo integrativo? oppure per silenzio assenso vi si viene inseriti tacitamente come nel caso di mancata comunicazione della destinazione del tfr?
perchè all'atto dell'assunzione e della firma del contratto ci hanno consegnato entrambe le modulistiche senza però specificare se fossero obbligatorie entrambe. idiot2
l'una esclude l'altra? oppure sono complementari a discrezione del lavoratore? buck2
help!
Registrato

pos. Naz. 10384 Napoli... MILANO BAGGIO 1 Aprile-30 Settembre
cos e pazz dind a stu manicomio!
PancO
Utente non iscritto
« Risposta #6 inserito:: Marzo 25, 2010, 16:27:45 »

fatemi capire una cosa: ...

lasciarlo in azienda vuol dire rimanere come è sempre stato, cioè alla fine del rapporto di lavoro si percepisce la liquidazione. in qualsiasi momento puoi scegliere di aderire ad un fondo pensione

puoi invece scegliere di farti una pensione integrativa aderendo ad un fondopensione, questa è una scelta irreversibile, non puoi tornare al vecchio sistema della liquidazione.

se entri in un fondo pensione, alla scadenza puoi decidere come percepire il capitale accumulato (la vecchia liquidazione), i casi possibili sono 2:
- tutto (il 100%) in forma di pensione integrativa
- il 50% come pensione e il resto come liquidazione
non puoi prendere tutto come liquidazione.

fondoposte è un fondo pensione, ed è il fondo di categoria (il vantaggio dell'1,50% in più di cui ti parlavo), poi ce ne sono altri generici e aperti a cui puoi aderire.

per il rendimento il discorso è un pò complicato, nel senso che di tutti i fondi sappimo per certo come sono andati, ma non possiamo di certo sapere come andranno.

e riguardo al rischio dipende dalla tipologia di investimento che il fondo che ha il fondo hai scelto, ad esempio fondoposte ha due tipologie di investimento il garantito e il bilanciato.

il garantito investe in titoli ....diciamo 'sicuri' (titoli di stato in genere a breve termine), non ti garantiscono un risultato, ma dove il rischio perdita è estremamente basso.

il bilanciato investe anche in titoli rischiosi (azioni per dirla in berve e tutte quelle diavolerie finanziarie dai nomi strani) diciamo che fa 50 e 50 e pertanto si chiama bilanciato.

queste diversificazioni le trovi in quasi tutti i fondi pensione.
Registrato
futuro?
Full Member
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 610


« Risposta #7 inserito:: Marzo 27, 2010, 00:33:14 »

il mio consiglio è di lasciare il tfr in azienda.
per quanto riguarda la pensione integrativa io ti consiglio di non aderire a nessun fondo (secondo me).
ricorda che i tuoi soldi sia del tfr che del fondopensione li giocano in borsa per i loro scopi e non per i tuoi. se per assurdo (che poi assurdo non è) ci sarà un crollo totale (esempio Argentina), i tuoi soldi dove andranno? te lo dico io...in fumo!
naturalmente la tendenza è quella di incoraggiare il dipendente ad aderire a queste forme speculative, secondo pubblicità "regresso" (vedi per es. fondoposte che è andato bene negli ultimi anni, come diceva Panco). ma in futuro?
Registrato
razor 82
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 2497


Il primo sindacato in Poste Italiane


« Risposta #8 inserito:: Marzo 30, 2010, 19:48:14 »

Pensione inetgrativa? Cioè diciamo togliere dallo stipendio di oggi 50/100 euro mensili che sarebbero 600/1200 annui per prendere qualche briciola se prima non crepiamo tra 40 anni??? Di questi tempi??? Ma poi la vedremo la pensione? E se si ci sarà differenza tra la nostra ed una sociale???

Meglio l'uovo oggi.... Wink

O la gallina domani? Huh?
Registrato

Il leccaculismo è una pratica sempre molto diffusa, cui si dedica una folta schiera di sbavanti mezzecalzette; donnette e uomini inclini al baciastivali.

Costoro, privi di qualsiasi decente dote per emergere, si rifugiano in quella che è diventata una vera e propria disciplina di vita: la leccata
PT-FRANK
Newbie
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 27


« Risposta #9 inserito:: Aprile 14, 2010, 15:11:36 »

salve a tutti sono in confusione per la destinazione del tfr, per quando riguarda quello scritto in precedenza siete stati abbastanza chiari però non ho capito le modalita ... nel senso se non faccio niente che succede in silenzio-assenzo? e voi cosa consigliate di fare?
grazie mille a chi può darmi una risposta,
Registrato
NightFile
Newbie
*
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 72

Guida Galattica per gli autostoppisti


« Risposta #10 inserito:: Aprile 14, 2010, 18:35:40 »

salve a tutti, avrei una domanda per i colleghi del Retail commerciale:conviene destinare il tfr al fondo poste? quanto rende?
inoltre quale fondo pensionistico integrativo mi consigliate?
grazie mille a chi mi risponderà Wink

Per l'integrazione consiglierei il fondo aziendale perchè si ottiene il contributo del datore di lavoro!! per gli extra azienda dipende dalla tua propensione al rischio!!


il mio consiglio è di lasciare il tfr in azienda.
per quanto riguarda la pensione integrativa io ti consiglio di non aderire a nessun fondo (secondo me).
ricorda che i tuoi soldi sia del tfr che del fondopensione li giocano in borsa per i loro scopi e non per i tuoi. se per assurdo (che poi assurdo non è) ci sarà un crollo totale (esempio Argentina), i tuoi soldi dove andranno? te lo dico io...in fumo!
naturalmente la tendenza è quella di incoraggiare il dipendente ad aderire a queste forme speculative, secondo pubblicità "regresso" (vedi per es. fondoposte che è andato bene negli ultimi anni, come diceva Panco). ma in futuro?

I soldi sono "giocati" in borsa a seconda della linea di investimento che scegli, altrimenti sono investiti in titoli di stato a lunga scadenza.

Il problema di fondo non è tanto se ci sarà o meno la fine "Argentina" perché in situazioni del genere li puoi avere anche sotto il materasso, sarebbero comunque soldi bruciati, il problema è che volenti o nolenti con il sistema previdenziale è stato compiuto un passo da cui non si può tornare indietro se non nel lungo periodo ed a patto che cambino gli indicatori demografici.

Fra 30 o 40 anni se mai andremo in pensione, senza un'integrazione, ne avremo una pari a metà dello stipendio e se vi sembra basso quello figuratevi la pensione.

Registrato

In fase di riflessione sulla vita l'universo e tutto quanto.
Se7en
Utente non iscritto
« Risposta #11 inserito:: Maggio 31, 2010, 21:35:07 »

Pensione inetgrativa? Cioè diciamo togliere dallo stipendio di oggi 50/100 euro mensili che sarebbero 600/1200 annui per prendere qualche briciola se prima non crepiamo tra 40 anni??? Di questi tempi??? Ma poi la vedremo la pensione? E se si ci sarà differenza tra la nostra ed una sociale???

Meglio l'uovo oggi.... Wink

O la gallina domani? Huh?

Mi viene spontaneo pensare anche a tutti quei bamboccioni o studenti di lungo corso che iniziano a lavorare dopo i 35 e rotti anni, considerato che non raggiungeranno i quaranta se non verso i quasi ottant'anni Smiley ( quindi manco potrebbero avere la max ) beh forse  a loro conviene farla, probabilmente se la godranno poco, ma tant'e'.
le donne forse, hanno qualche chance in piu'..  (come sempre) ..


-- Io personalmente sceglierei ed ho scelto,  l'uovo.. e cmq sia, io i miei soldi ho sempre preferito gestirli da me'. Se sbaglio avro' avuto torto, se indovino avro' avuto ragione.
Di sicuro saro' stato l'artefice del mio destino. E di sicuro se uno vuole avere un gruzzolo, la cosa migliore e' 'sacrificarsi', rinunciare, e mettere via soldi. Nel proprio conto possibilmente, non nelle mani di altri..
« Ultima modifica: Maggio 31, 2010, 21:40:36 da Se7en » Registrato
malui
Sr. Member
****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 1909


ora basta ...


« Risposta #12 inserito:: Maggio 31, 2010, 21:51:49 »

e tra poco scompare anche l'ipost ... che si farà?Huh?Huh?

spenderemo anzi spenderanno i nostri soldi e poi si vedrà  2funny
Registrato

in questi anni ho imparato
che anche ciò che mi è dovuto
nessuno lo darà mai per scontato

pos. 10452 campania
Se7en
Utente non iscritto
« Risposta #13 inserito:: Giugno 12, 2010, 21:07:40 »

e tra poco scompare anche l'ipost ... che si farà?Huh?Huh?

spenderemo anzi spenderanno i nostri soldi e poi si vedrà  2funny
Di questo puoi esserne piu- che certo..
Registrato
samp
Newbie
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 35


« Risposta #14 inserito:: Giugno 15, 2010, 16:13:32 »

mi rendo conto che non è semplice scegliere. c'è chi dice si perchè crede di fare qualcosa di buono per il futuro chi no perchè pensa che i suoi soldi verranno bruciati.io personalmente ho aderito al comparto Garantito. mi chiedo però (in base alle informazioni che ho avuto) se il capitale versato negli anni verrà restituito? io so che il comp. Garantito investe il 5% in azioni quindi la perdita è bassa. poi c'è 1,5% dell'aziendain +!! qualcuno di voi sa effettivamente con sicurezza come viene svolto tutto?  nelle tabelle si evidenzia la differenza che c'è tra chi ha aderito e chi ha scelto di lasciarlo in azienda bhè ogni hanno chi lascia il TFR in azienda perde € 500 circa rispetto a chi ha aderito al fondo.vero? bhò!!!! la cosa che mi urge sapere e se alla scadenza del contratto di lavoro nel fondo ci sarà almeno quello che ho versato???
Registrato
Se7en
Utente non iscritto
« Risposta #15 inserito:: Giugno 15, 2010, 18:54:57 »

mi rendo conto che non è semplice scegliere. c'è chi dice si perchè crede di fare qualcosa di buono per il futuro chi no perchè pensa che i suoi soldi verranno bruciati.io personalmente ho aderito al comparto Garantito. mi chiedo però (in base alle informazioni che ho avuto) se il capitale versato negli anni verrà restituito? io so che il comp. Garantito investe il 5% in azioni quindi la perdita è bassa. poi c'è 1,5% dell'aziendain +!! qualcuno di voi sa effettivamente con sicurezza come viene svolto tutto?  nelle tabelle si evidenzia la differenza che c'è tra chi ha aderito e chi ha scelto di lasciarlo in azienda bhè ogni hanno chi lascia il TFR in azienda perde € 500 circa rispetto a chi ha aderito al fondo.vero? bhò!!!! la cosa che mi urge sapere e se alla scadenza del contratto di lavoro nel fondo ci sarà almeno quello che ho versato???

Stai porgendo la domanda in un settore sbagliato.  Rivolgiti ad un chiromante .
Registrato
generazione58
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 388


« Risposta #16 inserito:: Agosto 24, 2010, 13:50:07 »

Ho letto molte inesattezze nel post, siccome ritengo che fra i colleghi non ci sia nessuno stupido, consiglio a chiunqe fosse interessato alla materia di leggersi le informazioni sul foglio informativo oppure direttamente sul sito di fondoposte.

Alcune precisazioni.
Fondoposte offre due opzioni di scelta: fondo bilanciato  e fondo garantito. Nel fondo garantito solo una percentuale del 5% viene investito in titoli azionari, peraltro fra quelli considerati più solidi. Il fondo bilanciato riserva ai titoli azionari la quota del 20% e non del 50% come ho letto sopra.
Gli iscritti al fondo ottengono una quota pari al 1,5% del loro stipendio.
Ora, io a parte il TFR ho destinato una quota del 10% al fondo come contributo personale volontario.
In sostanza pago ogni mese una quota di circa 150 euro. Perchè ritengo convenga? Perchè su qesta cifra non pago IRPEF e quando un giorno riscatterò pagherò una percetuale inferiore al 11% che significa che come minimo guadagnerò una percentuale del 16% sul totale versato.
E tutto questo senza contare il probabile incremento a medio-lungo termine delle mie quote che negli ultimi due anni ha rasentato il 15% e stiamo parlando di due anni obbrobriosi per la finanza.
Infine, non è vero che alla fine non si potrà riscattare il 100% del versato (come succede per il TFR lasciato in azienda). O meglio, questo è vero per i più giovani che versano per 40 anni, ma quelli che hanno già superato la quarantina e con 20 anni di vita lavorativa potranno ottenere il tutto in unica soluzione.
Questo perchè il risultato della pensione integrativa (rateo annuale) sarà inferiore al 50% della pensione minima. Questa è complicata e rimando alle informazioni sul sito per ulteriori delucidazioni.
Registrato

«L'esperienza è il tipo di insegnante più difficile. Prima ti fa l'esame, poi ti spiega la lezione.» (Oscar Wilde)
Se7en
Utente non iscritto
« Risposta #17 inserito:: Agosto 24, 2010, 16:01:00 »

Questa e' una delle pochissime cose su cui dissentiamo caro gen58.
Non affronterò il discorso dal punto di vista 'ragionativo', sai perchè ? Perchè nella vita c'è sempre qualcuno più furbo di te, se ragioniamo sulle capacità. Capacità d'investimento..
Ed a volte possono anche essere in parecchi. Smiley
Inoltre non ne sarei neanche capace, dovrei mettermi a leggere, studiare ( cercare di capire) , insomma fare un qualcosa che odio fare. E questo richiede voglia di farlo.
Preferisco dedicarmi ad altro.
Sono una persona istintiva, e non sto a spiegarti tutte le varianti dell' istinto su cui baso le mie decisioni.
Ma  so che sono molteplici, tante basate su l'esperienza di anni di vita e di lavoro e di fregature.
Ti dico solo che a parte il fatto che non potrei permettermi di versare 150,00 euro mensili + altro, ho tante bocche da sfamare + la mia,    non mi fido.
Il futuro nessuno lo conosce.
Il futuro immediato sì invece.   Praticamente consisterebbe nel fatto che dovrei privarmi mensilmente di una data cifra e darla ad un altro/i, che se la metterebbe in tasca.
Questa e' la realta.

p.s.    solo una piccola cosetta te la dico però.

Questa della pensione integrativa non è una novità.
Correva l'anno 1987 e già esistevano di questi fondi di 'integrazione', chiamali pensionistici, chiamali come vuoi, ma quello scopo avevano, e aggiungo  anche che erano altri tempi, diciamo meno affidabilità ( o più..?   Smiley  ).
Ne parlai col mio direttore d'allora e lui mi disse che non si fidava molto, io però ero scettico, pensai che fosse invidia dato che lui era prossimo alla pensione.
Così ne parlai con la mia ragazza, che all'epoca guarda caso, lavorava per una societa' la ' Agos', ed anche per un altra, la ' Primeconsult', che proprio facevano di questi 'lavoretti'.
Era una 'cacciatrice d'affari + consulente'..   Beh, mi feci fregare a buttar dentro dei soldini, abbastanza x l'epoca.
Non dico altro, perchè non vorrei guastarti l'investimento   Wink ma praticamnete solo per vie legali riuscii a recuperare qualcosa..
E quella e' stata l'unica volta in cui ho investito qualcosa.
  Ah.. quella ragazza poi è diventata mia moglie, ed è stato il secondo grande sbaglio della mia vita...  haha
Registrato
ecro
Utente non iscritto
« Risposta #18 inserito:: Agosto 24, 2010, 17:07:45 »

http://www.vivereinarmonia.it/allegati/rendimenti_667743.pdf
Sarà......
Registrato
carlotta80
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 211


« Risposta #19 inserito:: Ottobre 06, 2010, 19:53:22 »

Salve,
Volevo una informazione, volevo attivare PostaPrevidenzaValore.
Sono in possesso di un libretto postale nominativo e volevo sapere se attivo questo tipo di programma, posso pagare tramite lo sportello delle Poste invece di 50 euro al mese degli scaglioni di 300 euro alla volta.
Chiedo questo perchè non voglio attivare il conto corrente postale e ho investito il mio TFR con il programma garantito Terra perciò vorrei rinvestire anche quella somma di denaro per PostePrevidenzaValore.

Un'altra domanda questo tipo di "pensione" delle Poste lo ritiro al mio 60 anno di età, nel caso di decesso prima o dopo questa data ( sperando di no), agli eredi torna al 100% il capitale investito o succede come la Pensione statale?
Vi chiedo questo perchè ho 30 anni e volevo sapere se sono in tempo per fare PostaPrevidenzaValore.
Registrato
Pagine: [1]   Vai su
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!