Mondoposte.it
Febbraio 23, 2019, 20:12:20 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]   Vai giù
  Stampa  
Autore Discussione: pratica successione  (Letto 5613 volte)
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
franz
Newbie
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 41



« inserito:: Gennaio 19, 2018, 18:51:35 »

Buonasera, non mi è chiaro se le polizze vita e i buoni fruttiferi devono essere dichiarati nella pratica di successione e, nel contempo, pagare le imposte sul valore degli stessi.
Registrato
David82
Newbie
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 83


« Risposta #1 inserito:: Gennaio 20, 2018, 10:40:26 »

Buonasera, non mi è chiaro se le polizze vita e i buoni fruttiferi devono essere dichiarati nella pratica di successione e, nel contempo, pagare le imposte sul valore degli stessi.

Veramente qui siamo proprio all' A,B,C .....Uno dei punti di forza delle polizze vita , è che appunto non VANNO IN ASSE EREDITARIO......e tu , ti domandi se le devi dichiarare Huh?? Mentre per quanto riguarda i buoni fruttiferi , questi sono equiparati ai titoli di stato , non a caso hanno tassazione simile e NO , non vanno dichiarati in successione ....

a) https://www.investireoggi.it/risparmio/buoni-fruttiferi-postali-vanno-dichiarati-nella-successione-succede-uno-dei-cointestatari-muore/  , leggi ...

Mi chiedo ma come cavolo fai a non sapere ste cose ?? :....In realtà , la risposta è palese , NON LE SAI PERCHE' SEI INCOMPETENTE ED ESSENDO INCOMPETENTE INFATTI LAVORI IN POSTE ....ahahaha ...

P.S. Volevo quasi non risponderti , aspettando che scrivesse voltoumano o menelao1 , che sicuro avrebbero risposto ma ovvio che vanno dichiarati ...Cosi per percularli un po' ma vabbè , diciamo aver dimostrato l incompetenza solita del postale è sufficiente...
Registrato
fr@ncy
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 4268


« Risposta #2 inserito:: Gennaio 20, 2018, 15:08:00 »

Anch'io David..volevo quasi non scrivere ma mi preme chiederti una cosa  :davvero non hai capito che l'utente che ha posto il quesito e' un cliente e non altro?
Registrato
franz
Newbie
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 41



« Risposta #3 inserito:: Gennaio 21, 2018, 20:03:09 »

Egregio David82, non occorre che ti scaldi in questo modo,
Non sono un impiegato delle Poste ma non per questo mi è precluso il diritto di porre domande, forse anche banali,  alle quali nessuno ti ha puntato un arma per degnarti di rispondere.
Scendi dal tuo piedistallo e non fornire più simili "apprezzamenti" ma solo risposte, possibilmente attinenti  all'oggetto della domanda.
Registrato
Angelo64
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 6255



« Risposta #4 inserito:: Gennaio 28, 2018, 03:51:16 »

  forse anche banali, 

Come prima cosa un saluto a Voi tutti, purtroppo gli impegni familiari mi tengono lontano da Voi, ma Vi prometto che non appena potrò, ritornerò a farvi compagnia.

Ciao Franz
sappi che mai nessuna domanda va considerata banale, ne tanto meno la tua
Prima di risponderTi vorrei chiarirTi che ogni persona che ha aperto un rapporto finanziario ha dovuto rispondere a delle domande sulla propria capacità economica/finanziaria, tecnicamente si chiama questionario di adeguata verifica.
A questo questionario vi accede l'Agenzia delle Entrate che compara le informazioni in essa contenute con la movimentazione sui rapporti (art. 32 DPR 600 del 1973).

Per quanto riguarda i rapporti intestati a persone fisiche l'Agenzia delle Entrate vi controllano i versamenti , mentre per le persone giuridiche controllano anche i prelievi di contanti.

Fatta questa premessa il mio consiglio è che devi valutare se la successione ha una consistenza tale da far aumentare la giacenza media del tuo conto eccessivamente e solo in questo caso andrei a chiedere consiglio nei loro uffici.

Per completezza aggiungo che il pagamento delle successioni avviene tramite assegno, quindi in modalità tracciata, ma  loro possono chiedere ugualmente spiegazione su tale versamento e pertanto tutta la documentazione ad esso associato va conservato per 5 anni e 6 mesi. Stesso discorso vale anche quando si ricevono bonifici da privati.

Vi devo nuovamente salutare, spero di ritrovarvi Voi tutti in un futuro prossimo.
    Angelo
Registrato

la certezza è degli sciocchi, ma nel dubbio la precauzione è dei furbi
Pagine: [1]   Vai su
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!