Mondoposte.it
Ottobre 25, 2021, 17:20:27 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]   Vai giù
  Stampa  
Autore Discussione: CCNL  (Letto 9025 volte)
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
AlessandraChina
Utente non iscritto
« inserito:: Gennaio 04, 2019, 09:52:54 »

Buongiorno,
è giusto dire che il CCNL è già scaduto? E che ci saranno incontri prossimi per ridefinire il nuovo?
Registrato
Angelo64
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 7253



« Risposta #1 inserito:: Febbraio 17, 2021, 16:33:42 »

Premetto che non sono un iscritto CGIL, ma faccio parte di un'altra sigla

L'altro ieri la CGIL ha inviato al Condirettore Generale ed al Responsabile R.U. una lettera nella quale minaccia "di mobilitare la categoria"

Le altre sigle, comprese la mia, hanno preso questa iniziativa unilaterale non proprio bene.

Condivido l'unità sindacale auspicata nella comunicazione delle altre sigle, ma non condivido la loro scelta nel volerla risolvere con un "invitiamo l'Azienda"

La loro accidia sta penalizzando la categoria che aspetta un contratto da 3 anni

Registrato

la certezza è degli sciocchi, ma nel dubbio la precauzione è dei furbi
peva64
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 137


« Risposta #2 inserito:: Febbraio 18, 2021, 14:57:48 »

Milleduecentomilionidieuro...
Duemilaquattrocentomiliardidivecchielire...

UTILE POSTE ITALIANE 2020

... "ma che parlamme a fà
sempe de stesse cose"... (Pino)

Paolo
Registrato
Giulio
Utente non iscritto
« Risposta #3 inserito:: Febbraio 18, 2021, 16:11:02 »

Milleduecentomilionidieuro...
Duemilaquattrocentomiliardidivecchielire...

UTILE POSTE ITALIANE 2020

... "ma che parlamme a fà
sempe de stesse cose"... (Pino)

Paolo
Sciopero nazionale di 6 giorni up chiusi in tutta Italia,voglio vedere se scappa fuori questo rinnovo di contratto.


Registrato
Giulio
Utente non iscritto
« Risposta #4 inserito:: Febbraio 18, 2021, 16:12:36 »

Premetto che non sono un iscritto CGIL, ma faccio parte di un'altra sigla

L'altro ieri la CGIL ha inviato al Condirettore Generale ed al Responsabile R.U. una lettera nella quale minaccia "di mobilitare la categoria"

Le altre sigle, comprese la mia, hanno preso questa iniziativa unilaterale non proprio bene.

Condivido l'unità sindacale auspicata nella comunicazione delle altre sigle, ma non condivido la loro scelta nel volerla risolvere con un "invitiamo l'Azienda"

La loro accidia sta penalizzando la categoria che aspetta un contratto da 3 anni


L'azienda (del resto come tutte) quando c'è da dare aumenti e' sorda.
« Ultima modifica: Febbraio 18, 2021, 16:12:59 da Giulio » Registrato
Angelo64
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 7253



« Risposta #5 inserito:: Febbraio 18, 2021, 20:41:33 »

Intanto per il 23 ci sarà un nuovo incontro

da una parte ci saranno i sindacati che non vorranno perdere la faccia con i propri iscritti

dall'altra l'Azienda che vorrà limitarsi ad offrire una una tantum

Chi la spunterà ?
Registrato

la certezza è degli sciocchi, ma nel dubbio la precauzione è dei furbi
Giulio
Utente non iscritto
« Risposta #6 inserito:: Febbraio 18, 2021, 20:53:45 »

Intanto per il 23 ci sarà un nuovo incontro

da una parte ci saranno i sindacati che non vorranno perdere la faccia con i propri iscritti

dall'altra l'Azienda che vorrà limitarsi ad offrire una una tantum

Chi la spunterà ?


Ma non c'è dubbio l'azienda ! Ci darà la solita mancetta per tenerci buoni e zitti e i sindacati come al solito diranno......grande vittoria sindacale e... tutti felici e contenti nel dire....meglio questi che niente scordando che potremmo aver potuto avere molto di più. Mi ci gioco le palline di Natale.
Ricordo che nell'ultima riunione sindacale si è  detto o meglio si proposto all'azienda una serie di aumenti: indennità di cassa, aumento degli stipendi, aumento dei buoni pasto, aumento dell'indennità di trasferta/distacco, aumento indennità mono operatore (che a mio avviso non dovrebbero piu' esistere dup e operatore stop.)
Preparatevi a ricevere la mancetta condita con una grande vittoria sindacale.
« Ultima modifica: Febbraio 18, 2021, 21:02:36 da Giulio » Registrato
fr@ncy
Utente non iscritto
« Risposta #7 inserito:: Febbraio 18, 2021, 23:20:25 »

🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️
Registrato
Voltoumano
Full Member
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 1189


« Risposta #8 inserito:: Febbraio 19, 2021, 07:17:39 »

I sindacati chiederanno quello che l'azienda è disposta a dare e  i lavoratori voteranno si nelle assemblee convocate per illustrare l'accordo, come sempre. D'altronde la lotta dura, gli scioperi ad oltranza per il riconoscimento dei nostri diritti non sono nelle corde dei postali. Lo sanno i sindacati e anche l'azienda.
Nell'ultima assemblea, tre anni fa, tre voti contrari (compreso il mio) su trenta presenti. Giovani neoassunti presenti: zero. Domande dei  presenti? Quasi tutte sulle uscite incentivate. Il che fa comprendere che  riconoscimento economico e migliori condizioni di lavoro non sono una priorità per la maggioranza dei colleghi, ormai vicini all'uscita.
Sciopero di sei giorni😁 ma quando mai! Sarebbe un flop tombale per i rappresentanti sindacali.
Registrato
Giulio
Utente non iscritto
« Risposta #9 inserito:: Febbraio 19, 2021, 15:12:43 »

I sindacati chiederanno quello che l'azienda è disposta a dare e  i lavoratori voteranno si nelle assemblee convocate per illustrare l'accordo, come sempre. D'altronde la lotta dura, gli scioperi ad oltranza per il riconoscimento dei nostri diritti non sono nelle corde dei postali. Lo sanno i sindacati e anche l'azienda.
Nell'ultima assemblea, tre anni fa, tre voti contrari (compreso il mio) su trenta presenti. Giovani neoassunti presenti: zero. Domande dei  presenti? Quasi tutte sulle uscite incentivate. Il che fa comprendere che  riconoscimento economico e migliori condizioni di lavoro non sono una priorità per la maggioranza dei colleghi, ormai vicini all'uscita.
Sciopero di sei giorni😁 ma quando mai! Sarebbe un flop tombale per i rappresentanti sindacali.

Considerando che poste ha dipendenti in maggioranza con eta' sopra la 50ina io ne ho 63 e se mi facessero una proposta seria me ne andrei anche domani, mi pare ovvio che l'interesse primario sia quello, i giovani neo assunti hanno paura di mettersi contro l'azienda e li capisco anche se non condivido il terrore che hanno.
Diciamo la verità oggi per i nostri figli laureati magari con lode poste è un rifugio in mancanza di meglio, o devono andare all'estero dove la bravura e' pagata benissimo o si accontentano dello stipindiuccio che passa poste, posto fisso magari non lontano da casa, poi una volta dentro ti adagi e ci arrivi alla pensione (se ci sara' ancora).
Prendiamo un consulente bravo diciamo con le paxxx, società private multinazionali che se gli porti i risultati ti danno pure la luna, poste quanto ti paga ?
Registrato
Voltoumano
Full Member
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 1189


« Risposta #10 inserito:: Febbraio 19, 2021, 15:22:23 »

E quindi Giulio inutile lamentarsi con i sindacati. I rappresentanti sindacali conoscono bene i "loro polli"  se chiedessero troppo dovrebbero minacciare scioperi e quant'altro per non perdere la faccia, ma sanno bene che pochissimi lavoratori li seguirebbero. Che figura con l'azienda che ovviamente lo sa bene e ne approfitta. Qualcuno ricorda quando è stato indetto l'ultimo sciopero e che percentuale di scioperanti ci fu?
Registrato
REBI_P@LIBERO.IT
Full Member
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 1236


« Risposta #11 inserito:: Febbraio 19, 2021, 15:30:33 »

Io me lo ricordo ben, 4 novembre 2016, manifestazione in viale Europa, grossa percentuale di adesione , e' pur vero che tanti poi "bisteccano" il giorno dopo per recuperare la giornata di sciopero...
Registrato
Massimomax
Newbie
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 33


« Risposta #12 inserito:: Febbraio 19, 2021, 15:39:45 »

Su ogni giorno di sciopero c'è una trattenuta in busta paga, gli iscritti già pagano mensilmente la quota al sindacato, mettere ancora mano nelle tasche di dipendenti e iscritti mi sembra iniquo e lesivo, forse i sindacati dovrebbero prendere in considerazione "altre forme" di sciopero...non so,una potrebbe essere per esempio servire solo chi è già cliente di poste o non aprire rapporti nuovi...comunque gli uffici"legali" dei sindacati secondo me potrebbero approfondire senza incorrere in precettazioni o svantaggi a carico dei lavoratori, del resto questa è un' epoca di cambiamento chissà che non possano cambiare anche le modalità di sciopero
« Ultima modifica: Febbraio 19, 2021, 15:41:18 da Massimomax » Registrato

Il lavoro duro batte il talento se il talento non lavora duro!
Giulio
Utente non iscritto
« Risposta #13 inserito:: Febbraio 19, 2021, 15:50:38 »

Su ogni giorno di sciopero c'è una trattenuta in busta paga, gli iscritti già pagano mensilmente la quota al sindacato, mettere ancora mano nelle tasche di dipendenti e iscritti mi sembra iniquo e lesivo, forse i sindacati dovrebbero prendere in considerazione "altre forme" di sciopero...non so,una potrebbe essere per esempio servire solo chi è già cliente di poste o non aprire rapporti nuovi...comunque gli uffici"legali" dei sindacati secondo me potrebbero approfondire senza incorrere in precettazioni o svantaggi a carico dei lavoratori, del resto questa è un' epoca di cambiamento chissà che non possano cambiare anche le modalità di sciopero
Raga lo sciopero al lavoratore costa un giorno di paga ma non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca, si fa se si vuol far valere i propri diritti o non si fa se abbassiamo la testa e diciamo ....si badrone.
Sono 3 anni che aspettiamo sto caxxx di rinnovo con i relativi benedetti 4 soldi di aumento, poste è in attivo alla stragrande noi gli facciamo avere tanti bei soldoni e come ci tratta?
Intendiamoci lo sciopero deve essere l'ultima spiaggia, si lavora al tavolo delle trattative, la bravura del sindacato si vede da quello che ottiene al tavolo dopo numerosi incontri, io diffido di sindacati che partono subito con lo sciopero, alcuni addirittura te lo fanno fare come prevenzione. Lo sciopero al lavoratore costa caro e deve essere fatto solo in estremis non come una moda.
« Ultima modifica: Febbraio 19, 2021, 16:08:00 da Giulio » Registrato
Angelo64
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 7253



« Risposta #14 inserito:: Marzo 19, 2021, 15:08:00 »

La contrattazione del CCNL fra alti e bassi sta andando avanti
Registrato

la certezza è degli sciocchi, ma nel dubbio la precauzione è dei furbi
Brieftraeger
Newbie
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 13


« Risposta #15 inserito:: Aprile 09, 2021, 22:41:32 »

Leggo con molto rammarico che c'è una sorta di rassegnazione in tema di diritto al rinnovo del contratto e al diritto di ricevere stipendi proporzionati al costo della vita e agli utili che i dipendenti di poste (tutti, nessuno escluso) fanno fare all'azienda privata più grossa d'Italia.

Se fossimo in Francia ci sarebbero ben altre conseguenze alle azioni che Poste sta mettendo da anni in atto nei confronti dei suoi dipendenti con il bene placido di una rappresentanza sindacale disomogenea e più attenta a non perdere i benefit dei propri dirigenti e iscritti che ad una vera tutela dei lavoratori e del lavoro.

Nel 2019 Poste Italiane, cioè noi (non dimentichiamolo) ha prodotto un utile di +18%
...qualcuno nel 2020 ha visto il proprio stipendio aumentare, non dico del 18%, ma di un misero 9%?
E ancora, sempre l'utile del 2019, che è di 1,3 miliardi, risulta raddoppiato rispetto a quello del 2016...
Ora non mi aspetto che il mio stipendio del 2021 sia il doppio di quello del 2016...ma un 50% ci sarebbe stato, o no?
Invece il problema è che non è aumentato nemmeno del 2%.

In una azienda seria, che è a maggioranza di proprietà dello Stato (che siamo sempre noi) non ci si aspetta che a lucrare e guadagnarci siano solo i suoi dirigenti, amministratori delegati e compagnia bella, lasciando ai lavoratori le briciole.
In Germania la paga netta di un impiegato amministrativo supera i 25mila euro netti. In Italia è di 25mila euro lordi...datevi voi la risposta!

Io ritengo lo sciopero ancora l'unico strumento legale e incisivo che abbiamo in mano noi dipendenti nei confronti dei padroni.
Cosa farebbe a Poste Italiane Spa se 120mila dipendenti scioperassero per una settimana dal lavoro?

Onestamente non lo so!...ma una cosa è certa, quello che si è fatto fino ad ora è troppo poco e assolutamente inutile visto che Poste, nonostante gli utili da vertigine, continua ad ignorare le nostre richieste.

Pax et Bonum

Registrato
Voltoumano
Full Member
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 1189


« Risposta #16 inserito:: Aprile 10, 2021, 06:14:20 »

Azienda e sindacati sanno benissimo che i lavoratori di poste non scioperano, non è nella loro natura. L'esperienza insegna.
Registrato
Giulia
Utente non iscritto
« Risposta #17 inserito:: Aprile 10, 2021, 07:10:49 »

Azienda e sindacati sanno benissimo che i lavoratori di poste non scioperano, non è nella loro natura. L'esperienza insegna.

Questo vuol dire che siamo contenti così come stiamo.
Rassegnazione è vero siamo rassegnati verso una azienda che ha utili faraonici che pretende di proporre di vendere ma che alla domanda.....ma il rinnovo del contratto ? Non risponde. I sindacati ? Desaparecidos.
Voglio anche ricordare che sarebbe necessario un rinnovo dei PC con il relativo sistema operativo ora abbiamo Win7 Service Pack 1, sarebbe necessaria una macchina contasoldi almeno una per la sportelleria, sarebbe necessario montare
Un rivelatore di temperatura all'entrata(era in progetto alcune sono state montate ma sono durate un giorno poi si sono rotte) non se n'è fatto più nulla, sarebbe necessario un adeguato cablaggio dei cavi in sala sportelleria che si hanno fra i piedi e c'è il rischio che strappi tutto, alcuni uffici hanno la muffa sui muri, andrebbero sistemati. La lista sarebbe lunga e chiudo qui ma......ho una domanda che mi gira in testa da un sacco di tempo e é.......ma poste con tutti questi utili che cazzo ci fa ?
Nel mio ufficio sono stati fatti due interventi pressoché inutili, ovvero la sostituzione della bilancia (quella grande) del postale che oltretutto funzionava benissimo quella che hanno messo ora segna 30 grammi a vuoto e non ha il vetro di protezione sul display lato cliente e la sostituzione del vetrino sul totem sapete quello dove poggi il telefono ☎ per catturare il QR code che oltretutto era integro.
I PC si impallano perché non reggono i programmi, i lettori per i bollettini si inceppano ogni volta, i corsi che a volte sono pressoché inutili che si aprono e non si aprono, mancano i pezzi, ma......sono tutte cose che già sappiamo, rassegnazione, rassegnazione, rassegnazione nonostante i video propagandistici del siamo all'avanguardia.....
Eppure qualcuno scrisse che di stipendio pigliamo pure troppo (beato lui).
Pace e bene.
« Ultima modifica: Aprile 10, 2021, 07:45:44 da Giulia » Registrato
Giulia
Utente non iscritto
« Risposta #18 inserito:: Aprile 10, 2021, 07:12:15 »

Leggo con molto rammarico che c'è una sorta di rassegnazione in tema di diritto al rinnovo del contratto e al diritto di ricevere stipendi proporzionati al costo della vita e agli utili che i dipendenti di poste (tutti, nessuno escluso) fanno fare all'azienda privata più grossa d'Italia.

Se fossimo in Francia ci sarebbero ben altre conseguenze alle azioni che Poste sta mettendo da anni in atto nei confronti dei suoi dipendenti con il bene placido di una rappresentanza sindacale disomogenea e più attenta a non perdere i benefit dei propri dirigenti e iscritti che ad una vera tutela dei lavoratori e del lavoro.

Nel 2019 Poste Italiane, cioè noi (non dimentichiamolo) ha prodotto un utile di +18%
...qualcuno nel 2020 ha visto il proprio stipendio aumentare, non dico del 18%, ma di un misero 9%?
E ancora, sempre l'utile del 2019, che è di 1,3 miliardi, risulta raddoppiato rispetto a quello del 2016...
Ora non mi aspetto che il mio stipendio del 2021 sia il doppio di quello del 2016...ma un 50% ci sarebbe stato, o no?
Invece il problema è che non è aumentato nemmeno del 2%.

In una azienda seria, che è a maggioranza di proprietà dello Stato (che siamo sempre noi) non ci si aspetta che a lucrare e guadagnarci siano solo i suoi dirigenti, amministratori delegati e compagnia bella, lasciando ai lavoratori le briciole.
In Germania la paga netta di un impiegato amministrativo supera i 25mila euro netti. In Italia è di 25mila euro lordi...datevi voi la risposta!

Io ritengo lo sciopero ancora l'unico strumento legale e incisivo che abbiamo in mano noi dipendenti nei confronti dei padroni.
Cosa farebbe a Poste Italiane Spa se 120mila dipendenti scioperassero per una settimana dal lavoro?

Onestamente non lo so!...ma una cosa è certa, quello che si è fatto fino ad ora è troppo poco e assolutamente inutile visto che Poste, nonostante gli utili da vertigine, continua ad ignorare le nostre richieste.

Pax et Bonum



Hai ragione non si è fatto nulla
Registrato
Voltoumano
Full Member
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 1189


« Risposta #19 inserito:: Aprile 10, 2021, 13:31:44 »

Questo vuol dire che siamo contenti così come stiamo.
Rassegnazione è vero siamo rassegnati verso una azienda che ha utili faraonici che pretende di proporre di vendere ma che alla domanda.....ma il rinnovo del contratto ? Non risponde. I sindacati ? Desaparecidos.
Voglio anche ricordare che sarebbe necessario un rinnovo dei PC con il relativo sistema operativo ora abbiamo Win7 Service Pack 1, sarebbe necessaria una macchina contasoldi almeno una per la sportelleria, sarebbe necessario montare
Un rivelatore di temperatura all'entrata(era in progetto alcune sono state montate ma sono durate un giorno poi si sono rotte) non se n'è fatto più nulla, sarebbe necessario un adeguato cablaggio dei cavi in sala sportelleria che si hanno fra i piedi e c'è il rischio che strappi tutto, alcuni uffici hanno la muffa sui muri, andrebbero sistemati. La lista sarebbe lunga e chiudo qui ma......ho una domanda che mi gira in testa da un sacco di tempo e é.......ma poste con tutti questi utili che cazzo ci fa ?
Nel mio ufficio sono stati fatti due interventi pressoché inutili, ovvero la sostituzione della bilancia (quella grande) del postale che oltretutto funzionava benissimo quella che hanno messo ora segna 30 grammi a vuoto e non ha il vetro di protezione sul display lato cliente e la sostituzione del vetrino sul totem sapete quello dove poggi il telefono ☎ per catturare il QR code che oltretutto era integro.
I PC si impallano perché non reggono i programmi, i lettori per i bollettini si inceppano ogni volta, i corsi che a volte sono pressoché inutili che si aprono e non si aprono, mancano i pezzi, ma......sono tutte cose che già sappiamo, rassegnazione, rassegnazione, rassegnazione nonostante i video propagandistici del siamo all'avanguardia.....
Eppure qualcuno scrisse che di stipendio pigliamo pure troppo (beato lui).
Pace e bene.

Indire uno sciopero  è un grosso rischio per i sindacati. Un'adesione minima da parte dei lavoratori significherebbe indebolirli ancora di più agli occhi dell'azienda. Già il potere contrattuale è basso figuriamoci dopo uno sciopero flop.
E sicuramente sarebbe un flop, nessuna coscienza sindacale né solidarietà fra i lavoratori di poste. Mai stata
« Ultima modifica: Aprile 10, 2021, 13:32:39 da Voltoumano » Registrato
Giulia
Utente non iscritto
« Risposta #20 inserito:: Aprile 10, 2021, 14:33:15 »

Indire uno sciopero  è un grosso rischio per i sindacati. Un'adesione minima da parte dei lavoratori significherebbe indebolirli ancora di più agli occhi dell'azienda. Già il potere contrattuale è basso figuriamoci dopo uno sciopero flop.
E sicuramente sarebbe un flop, nessuna coscienza sindacale né solidarietà fra i lavoratori di poste. Mai stata

Quindi cosa si fa ? Ci sediamo e aspettiamo la morte ?
Registrato
Voltoumano
Full Member
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 1189


« Risposta #21 inserito:: Aprile 10, 2021, 22:33:37 »

Quindi cosa si fa ? Ci sediamo e aspettiamo la morte ?

I più vecchi aspettano solo l'uscita, con quota cento o incentivi tirando a campare. I più giovani mi sembrano preoccupati a far carriera alla svelta, perciò si adattano a tutto. Non c'è speranza. D'altronde quali sono le categorie che protestano o scioperano ormai.
Registrato
Giulia
Utente non iscritto
« Risposta #22 inserito:: Aprile 11, 2021, 07:48:53 »

I più vecchi aspettano solo l'uscita, con quota cento o incentivi tirando a campare. I più giovani mi sembrano preoccupati a far carriera alla svelta, perciò si adattano a tutto. Non c'è speranza. D'altronde quali sono le categorie che protestano o scioperano ormai.
A parte gli incentivi il resto.....brutte cose.
Registrato
peva64
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 137


« Risposta #23 inserito:: Aprile 11, 2021, 09:57:54 »

Citazione
D'altronde quali sono le categorie che protestano o scioperano ormai

Vai sul sito di USB, lì le trovi...
Oppure su Contropiano.org... così, per un punto di vista diverso...

Paolo
« Ultima modifica: Aprile 11, 2021, 10:00:39 da peva64 » Registrato
Angelo64
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 7253



« Risposta #24 inserito:: Aprile 11, 2021, 15:38:02 »

Sinceramente e paradossalmente intavolare il contratto ora e non 2 anni fa è utile

Forse non tutti ricordano che fino a poco tempo fa avevamo l'inflazione a zero e questo non avrebbe consentito avere aumenti di stipendio.

 
Registrato

la certezza è degli sciocchi, ma nel dubbio la precauzione è dei furbi
peva64
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 137


« Risposta #25 inserito:: Aprile 11, 2021, 16:32:43 »

Sinceramente e paradossalmente intavolare il contratto ora e non 2 anni fa è utile

Forse non tutti ricordano che fino a poco tempo fa avevamo l'inflazione a zero e questo non avrebbe consentito avere aumenti di stipendio.

 

Sincerità per sincerità non mi sembra che adesso le cose siano tanto diverse...
https://www.istat.it/it/archivio/30440

Due anni di ritardo nel rinnovo contrattuale attuale che, ricordo, si aggiungono agli anni di ritardo di OGNI rinnovo, significano meno potere d'acquisto, meno montante pensionistico e meno liquidazione, tanto per dire le prime tre cose che mi vengono in mente...
Alla trimurti sindacale e ai cespuglietti intorno, nazionali e di categoria, interessa solo la gestione dei fondi pensione, dei fondi sanitari integrativi, dei caf, del potere, ormai residuale: hanno gioco facile perché il popolo postale, da sempre purtroppo, chiede ai rappresentanti sindacali la cura del proprio orticello personale, nulla più.
In questo rappresentiamo bene l'italiano medio, bravissimo a lamentarsi delle cose che non vanno, prontissimo a sgomitare per il proprio tornaconto personale.
Se non capiamo che la crisi è di sistema e che è il sistema che va cambiato non andremo lontano...

https://coniarerivolta.org/2021/04/11/un-milione-di-occupati-in-meno-ma-i-competenti-hanno-la-soluzione-licenziare/

Paolo
Registrato
peva64
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 137


« Risposta #26 inserito:: Agosto 07, 2021, 15:45:51 »

https://www.posteitaliane.it/files/1476543844898/PI_Q2_21_PR_ITA.pdf


Lo posto qui perché mi sembra molto attinente con il recente rinnovo contrattuale, pensando soprattutto alle vagonate di grana ricevute.
In particolare, tra le tante chicche che ognuno può cogliere per proprio conto, ammesso e non concesso che ne abbia voglia, visto che la lettura diventa via via più indigesta, vorrei attirare la vostra attenzione sull'ultimo periodo a cavallo tra pag. 2 e 3 del comunicato:

"RIDUZIONE ACCELERATA DEL NUMERO DI FTE, CON UNA MINOR INCIDENZA DEI COSTI DEL PERSONALE SULL’AMMONTARE DEI RICAVI;".

L'acronimo FTE sta per "Full Time Equivalent": quando non vuoi far comprendere quello che dici o usi le sigle o usi l'inglese...tanto chi deve capire, capisce (una volta era il "latinorum").
Nero su bianco P.I. candidamente dichiara che gli utili li fa sulla nostra pelle, o meglio, sulla pelle delle sue "persone". Per questo forum non è una novità, considerati i tanti post sull'argomento.
Ad alcune persone più persone di altre va la ciccia, alla massa tutt'al più qualche osso...

Paolo
Registrato
DiegoG
Utente non iscritto
« Risposta #27 inserito:: Agosto 07, 2021, 16:27:29 »

Paolino, ma quanto mi trovi d'accordo!!!

Diego.
Registrato
Pagine: [1]   Vai su
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!