Mondoposte.it
Novembre 27, 2020, 11:58:10 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]   Vai giù
  Stampa  
Autore Discussione: Pagamento vaglia veloce PF residente estero  (Letto 345 volte)
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
roccozepin96
Newbie
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 14


« inserito:: Ottobre 12, 2020, 19:27:43 »

Buonasera colleghi,
Volevo porvi un quesito. Immaginiamo che si presenti da voi un cliente che intenda incassare vaglia veloce, di cui risulti essere beneficiario.
Questo cliente, però, dichiara di essere residente all’estero, e quindi di non disporre del codice fiscale, né quello cartaceo né plastificato né tessera sanitaria.
Voi paghereste questo vaglia?
Consultandomi con alcuni colleghi risultano esserci due correnti di pensiero.
La prima impone di non procedere al pagamento, visto che il manuale dei vaglia specifica che il cliente deve esibire il codice fiscale oltre al documento di identità.
La seconda linea di pensiero si basa su quella postilla dello stesso manuale, la quale rimanda, per l’identificazione, alle “procedure vigenti”.
Seguendo questo rimando, nel manuale ARAB, viene specificato che se il cliente non ha il codice fiscale occorre flaggare la scelta “PF RESID. ESTERO”.
Dunque in questo caso il vaglia verrebbe regolarmente incassato.
Cosa ne pensate: qual è la verità?
Grazie in anticipo per le risposte.
Registrato
fr@ncy
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 4416


« Risposta #1 inserito:: Ottobre 12, 2020, 21:11:36 »

🤔🤔🤔
Cioe' poniamo il caso che si tratti di un terrorista  non meglio identificato   niente cf.  Documento falso ( manco dicumenti sicuri puo' servire)...niente  oracolo che presuppone  esistenza cf   e che il sistema controlla in   automatico ogni cazza di volta che paghi un vaglia. E se pinco pallino italiano ha denunciato documento o cf rubato  poi ritrovato   e nn ha controdenuncia o documento sostitutivo  non glielo si paga.insomma..arriva lo straniero cali le brache e glielo paghi?Che coerenza... eeee.
Per incassare soldi in italia  bisogna essere   fiscalmente rintracciabili ergo va all agenzie delle entrate e se lo fa fare
Io dico che non glielo pago..mi sbagliero'... ma non glielo pago ...glielo pagheranno da altro pdl
« Ultima modifica: Ottobre 12, 2020, 21:14:20 da fr@ncy » Registrato
DGC
Utente non iscritto
« Risposta #2 inserito:: Ottobre 12, 2020, 21:35:43 »

E se l'altro PDL, putacaso ( Grin Grin ) fosse il mio, non glielo pagherei neanch'io!  Wink

Diego.
Registrato
fr@ncy
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 4416


« Risposta #3 inserito:: Ottobre 12, 2020, 21:42:26 »

👍👍👍
Registrato
roccozepin96
Newbie
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 14


« Risposta #4 inserito:: Ottobre 13, 2020, 08:03:12 »

Sapete, capita molte volte questo caso con gli svizzeri, che sembrano avere un odio ancestrale verso il codice fiscale. A volte non sanno nemmeno cosa sia. Oppure con badanti moldave/rumene appena arrivate in Italia. A volte capita anche con i nordafricani, ma devo dire sporadicamente. E sono queste tipologie di clienti, svizzeri specialmente, a dire che in alcuni casi gli viene pagato il vaglia, in altri casi no. A seconda dell’operatore che gli capita. Inoltre molti di loro riferiscono che l’Agenzia delle Entrate non gli rilascia il codice fiscale, ma devono recarsi al Consolato. A me piacerebbe capire qual è la procedura corretta da manuale, in modo da non agire secondo iniziative personali. Anche perché, mettiamo il caso che questo cliente faccia reclamo nei confronti dell’operatore che non gli paga il vaglia, e secondo le procedure invece andava pagato, che fine fa l’operatore?
Registrato
Pagine: [1]   Vai su
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!