Mondoposte.it
Aprile 04, 2020, 03:01:14 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1] 2   Vai giù
  Stampa  
Autore Discussione: disdetta al sindacato  (Letto 21392 volte)
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
pandreoli
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 177


« inserito:: Maggio 26, 2010, 22:54:43 »

vi propongo una disdetta ai sindacati in massa ci prendono per il culo e sai con quale motivazione? visto che viaggio x 4 ore al giorno per la modica cifra di 97 euro al mese di abbonamento alle ferrovie, con i 120 euro annuali della tessera alla failp ci pago un mese di abbonamento.....domani scrivero' le lettere da spedire in raccomandata sia al sindacato che a chi ci compila le buste paga....
Registrato
generazione58
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 388


« Risposta #1 inserito:: Maggio 27, 2010, 08:11:13 »

vi propongo una disdetta ai sindacati in massa ci prendono per il culo e sai con quale motivazione? visto che viaggio x 4 ore al giorno per la modica cifra di 97 euro al mese di abbonamento alle ferrovie, con i 120 euro annuali della tessera alla failp ci pago un mese di abbonamento.....domani scrivero' le lettere da spedire in raccomandata sia al sindacato che a chi ci compila le buste paga....

non ho capito niente.
Registrato

«L'esperienza è il tipo di insegnante più difficile. Prima ti fa l'esame, poi ti spiega la lezione.» (Oscar Wilde)
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #2 inserito:: Maggio 27, 2010, 13:48:05 »

hai ragione, anche a me mi stanno facendo spendere dei soldi, voglio l'ufficio vicino a casa, mi son stufato di far risuolare le scarpe, a 2 km al giorno per ben due volte,  e sono 4 km, mi ci vuole un paio di scarpe all'anno. siccome non sono un postino non me le danno. o me le rimborsano o dò la disdetta al sindacato che non mi fa costruire l'ufficio in cantina.
« Ultima modifica: Maggio 27, 2010, 13:50:08 da gianni il vecchio » Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
cristinab
Newbie
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 73


« Risposta #3 inserito:: Maggio 27, 2010, 15:42:16 »

Pensa pure che c'è chi non può permettersi neanche lontanamente di viaggiare in treno, perchè di ore ne avrebbe 15 o più tutti i giorni. E che mangari con questo trasferimento non si troverà nell'ufficio sotto casa ma nella tua stessa situazione (parlo x me, visto che mi hanno sconsigliato di chiedere la mia provincia x assenza di posti ne ho chiesta una limitrofa ma già mi stanno preparando all'idea che bene che vada dovrò fare 140 km al giorno (AR). Comunque, già sarà un passo avanti... almeno la sera potrò tornare a casa mia e non pagare mutuo e affitto con 1100 euro al mese di stipendio e campare solo x lavorare... Pensa sempre che c'è chi non si può neanche sognare quello che per te è un incubo... 
Registrato
VERA76
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Sesso: Femmina
Messaggi: 173


« Risposta #4 inserito:: Maggio 27, 2010, 17:34:20 »

Pensa pure che c'è chi non può permettersi neanche lontanamente di viaggiare in treno, perchè di ore ne avrebbe 15 o più tutti i giorni. E che mangari con questo trasferimento non si troverà nell'ufficio sotto casa ma nella tua stessa situazione (parlo x me, visto che mi hanno sconsigliato di chiedere la mia provincia x assenza di posti ne ho chiesta una limitrofa ma già mi stanno preparando all'idea che bene che vada dovrò fare 140 km al giorno (AR). Comunque, già sarà un passo avanti... almeno la sera potrò tornare a casa mia e non pagare mutuo e affitto con 1100 euro al mese di stipendio e campare solo x lavorare... Pensa sempre che c'è chi non si può neanche sognare quello che per te è un incubo... 
idem...a me 97€ bastano a malappena per il biglietto del treno per mio marito e mia figlia a/r a settimana...io nn ce la faccio a scendere,arriverei il sabato sera per ripartire la domenica pom alle 15 e per di piu' al ritorno dovrei aggiungere il costo del taxi perchè la dom sera nn ho mezzi pubblici che mi accompagnino fino all'appartamento dove alloggio!
Registrato
malui
Sr. Member
****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 1909


ora basta ...


« Risposta #5 inserito:: Maggio 27, 2010, 17:42:48 »

fai la disdetta e poi ... cosa cambia

Registrato

in questi anni ho imparato
che anche ciò che mi è dovuto
nessuno lo darà mai per scontato

pos. 10452 campania
kikka.ap
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 313


« Risposta #6 inserito:: Maggio 27, 2010, 18:28:43 »

non ho capito niente.
ma nn c'è nulla da capire.... è chiaro
Registrato
kikka.ap
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 313


« Risposta #7 inserito:: Maggio 27, 2010, 18:32:08 »

Pensa pure che c'è chi non può permettersi neanche lontanamente di viaggiare in treno, perchè di ore ne avrebbe 15 o più tutti i giorni. E che mangari con questo trasferimento non si troverà nell'ufficio sotto casa ma nella tua stessa situazione (parlo x me, visto che mi hanno sconsigliato di chiedere la mia provincia x assenza di posti ne ho chiesta una limitrofa ma già mi stanno preparando all'idea che bene che vada dovrò fare 140 km al giorno (AR). Comunque, già sarà un passo avanti... almeno la sera potrò tornare a casa mia e non pagare mutuo e affitto con 1100 euro al mese di stipendio e campare solo x lavorare... Pensa sempre che c'è chi non si può neanche sognare quello che per te è un incubo... 
c'è sempre chi è peggio di noi... vogliamo parlare per caso del terzo mondo?? io penso che pandreoli però ha tutto il sacrosanto diritto di lamentarsi. scusate il paragone ma ragionando come te qualcuno potrebbe semplicemente dirti... pensa a chi il lavoro nn c'è l'ha proprio!! ma è davvero ridicolo nn credi??
Registrato
kikka.ap
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 313


« Risposta #8 inserito:: Maggio 27, 2010, 18:33:21 »

fai la disdetta e poi ... cosa cambia


cambia cambia uuuuuuuuuuuh se cambia!!!! certo, intanto inizia lei a ragione, ma nn sarà sola...
Registrato
postinofolle
Sr. Member
****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 1883


vivere è molto più che il semplice respirare


« Risposta #9 inserito:: Maggio 27, 2010, 18:39:05 »

non credo che cambi in effetti qualcosa,anche perchè non si raggiungera mai la totalita dei lavoratori,poi la questione dei trasferimenti,io penso che quando si accetta un posto a molta distanza di casa,il sindacalista non deve illudere il lavoratore e dirgli cghe nel giro di 1 anno sarebbe tornato a casa,quando sa benissimo che è quasi impossibile,il vero problema è li secondo me,chiarezza realtà e lealtà,tutto qui Wink
Registrato

vivi come se dovessi morire domani,pensa come se non dovessi morire mai!!!
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #10 inserito:: Maggio 27, 2010, 18:46:13 »

una volta abbattuti gli attuali sindacati (dalla treccani.it: Associazione che riunisce i membri di una categoria operante sul mercato del lavoro, sia datori di lavoro, sia (e soprattutto, nell’accezione più com.) lavoratori dipendenti, allo scopo di tutelarne gli interessi professionali collettivi) per poter aver un minimo di voce in capitolo presso i "padroni" bisogna avere il potere di contrattazione, e questo potere lo si ottiene avendo "molte" persone che si riuniscono sotto un tetto comune. CIOE' FONDARE UN SINDACATO.

eppure siete tutti "studiati" lo dovreste sapere meglio di me che cosa è un sindacato.
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
malui
Sr. Member
****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 1909


ora basta ...


« Risposta #11 inserito:: Maggio 27, 2010, 18:49:48 »

se credono alle promesse e a babbo natale ....
Registrato

in questi anni ho imparato
che anche ciò che mi è dovuto
nessuno lo darà mai per scontato

pos. 10452 campania
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #12 inserito:: Maggio 27, 2010, 18:55:11 »

promesse che potrebbero anche essere fatte in buona fede, non essendo il sindacalista quello che materialmente puo o non puo dare e fare, lui puo solo chiedere e riferire.

ma questo non piace hai piu, che vede il sindacato e il sindacalista come quella istituzione o quel personaggio che PUO DARMI QUELLO CHE CERCO,  e se non ci riesco ad averlo diventa  quel ladro e quello spergiuro.

come si puo chiamare sta cosa?
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
razor 82
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 2681


Il primo sindacato in Poste Italiane


« Risposta #13 inserito:: Maggio 27, 2010, 19:32:09 »

Penso che questo discorso l'abbiano fatto un pò tutti e il pensierino idem, il problema è sempre che chi è sazio non crede chi è digiuno... Wink
Registrato

Il leccaculismo è una pratica sempre molto diffusa, cui si dedica una folta schiera di sbavanti mezzecalzette; donnette e uomini inclini al baciastivali.

Costoro, privi di qualsiasi decente dote per emergere, si rifugiano in quella che è diventata una vera e propria disciplina di vita: la leccata
cristinab
Newbie
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 73


« Risposta #14 inserito:: Maggio 27, 2010, 19:38:51 »

c'è sempre chi è peggio di noi... vogliamo parlare per caso del terzo mondo?? io penso che pandreoli però ha tutto il sacrosanto diritto di lamentarsi. scusate il paragone ma ragionando come te qualcuno potrebbe semplicemente dirti... pensa a chi il lavoro nn c'è l'ha proprio!! ma è davvero ridicolo nn credi??

Io ho lavorato per vari anni nel privato prima di essere assunta in Poste. Portavo avanti da sola la redazione di una rivista che tirava all'epoca 100000 copie. Facevo il lavoro di un caporedattore per 1000 euro al mese e 10 ore di lavoro al giorno in media (ho fatto notti intere in ufficio perché l'editore anticipava la stampa a suo piacimento). E ogni volta che mi dovevano far firmare il nuovo co.co.co mi portavano al sindacato, a firmare che non avrei fatto causa e che rinunciavo ad ogni diritto. Purtroppo se sei con l'acqua alla gola lo fai, come accetti un posto a 500 km da casa per avere la sicurezza di un lavoro. Non è questione di negare i diritti, è questione di rendersi conto che comunque siamo dei privilegiati, in questo momento e in questo contesto economico. Non che non sia giusto fare le lotte ma ormai il sindacato è diventato non uno strumento di tutela ma un'ancora di salvezza quando senti che ti stanno x annegare. E' la realtà. E finché non cambierà la mentalità della gente (e non vedo aria di cambiamento), sarà sempre peggio.
Registrato
pandreoli
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 177


« Risposta #15 inserito:: Maggio 27, 2010, 21:29:51 »

visto che sono in linea rispondo un po' a tutti....e' vero sono piu' fortunata di molti altri perche' posso essere a casa alle 5 del pomeriggio e stare con la mia famiglia ma ho anche tre figli e non tutti coloro che lavorano fuori sono mamme di tre figli.....per quanto riguarda i sindacati non risolvo nulla dando la disdetta al sindacato ma almeno mi tolgo la soddisfazione di mandarli a quel paese....soprattutto perche' e' due anni che mi raccontano delle grandi balle avrei preferito non mi avessero detto '' il prossimo mese sarai a casa sicuro'',  ma piu' leali e concreti....anch'io ho lavorato per 20 anni nel commercio e quindi da un privato e so cosa vuol dire, ora sono sicuramente piu' tranquilla ma fino a quando? ci rendiamo conto che poste sta ristrutturando il recapito per vendere?
Registrato
agtfal
Newbie
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 14


« Risposta #16 inserito:: Giugno 02, 2010, 19:04:26 »

Certo i tempi cambiano ed è meglio così. Vorrei far presente che io, 34 (trentaquattro) anni fa, per poter lavorare alle poste  come postino (ho trovato solo quello di lavoro nonostante il mio diploma di geometra), mi son dovuto spostare dalla Sicilia in Piemonte, con le relative spese e i relativi stati d'animo e lì son dovuto rimanere la bellezza di 12 (dodici) anni, prima di poter rientrare in Sicilia, ma non a casa. I tempi cambiano ed è meglio così, ma cerchiamo di non esagerare. Un saluto a tutti.
Registrato
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #17 inserito:: Giugno 02, 2010, 20:05:30 »

 problema è sempre che chi è sazio non crede chi è digiuno...


vorrai dire che chi è digiuno non crede a chi è sazio
« Ultima modifica: Giugno 02, 2010, 20:07:59 da gianni il vecchio » Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #18 inserito:: Giugno 02, 2010, 20:18:32 »

io credo, e l'ho gia detto, che il vero problema è cosa si crede che sia un sindacato.

non è lui che comanda, lui contesta le decisioni di chi comanda, chiede a chi comanda determinate cose, fa da mediatore tra la massa e chi comanda.

MA

NON è LUI CHE DECIDE, lui puo decidere uno sciopero, che pero non è uno strumento SICURO. la controparte puo accettare o non accettare le proposte, perche di proposte si tratta, ma la parola finale non ce l'ha il sindacato, cè l'ha chi comanda.

del resto svolge una egregia funzione di calmante. se  tu gli chiedi di un trasferimento che fa, ti dice che non lo avrai mai? ti da la risposta che piu si avvicina alla speranza. a volte ci azzeccano a volte no. oppure, siccome non è lui che concede i trasferimenti, riferisce quello che li concede gli dice salvo poi accorgersi che gli hanno raccontato una palla pure a lui

è anche comprensibile che chi crede che il sindacato possa o non possa concedergli quello che chiede rimanga deluso quando si accorge che non è lui che puo o non puo concedere.

in poche parole, ma chi credete che sia il sindacato?
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
speedycad
Full Member
***
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 690



« Risposta #19 inserito:: Giugno 02, 2010, 20:27:49 »

io credo, e l'ho gia detto, che il vero problema è cosa si crede che sia un sindacato.

non è lui che comanda, lui contesta le decisioni di chi comanda, chiede a chi comanda determinate cose, fa da mediatore tra la massa e chi comanda.

MA

NON è LUI CHE DECIDE, lui puo decidere uno sciopero, che pero non è uno strumento SICURO. la controparte puo accettare o non accettare le proposte, perche di proposte si tratta, ma la parola finale non ce l'ha il sindacato, cè l'ha chi comanda.

del resto svolge una egregia funzione di calmante. se  tu gli chiedi di un trasferimento che fa, ti dice che non lo avrai mai? ti da la risposta che piu si avvicina alla speranza. a volte ci azzeccano a volte no. oppure, siccome non è lui che concede i trasferimenti, riferisce quello che li concede gli dice salvo poi accorgersi che gli hanno raccontato una palla pure a lui

è anche comprensibile che chi crede che il sindacato possa o non possa concedergli quello che chiede rimanga deluso quando si accorge che non è lui che puo o non puo concedere.

in poche parole, ma chi credete che sia il sindacato?


Hai ragione i sindacati non decidono fanno solo accordi, in segreto, con chi comanda per poi sbandierare una finta opposizione (scioperi ecc) con chi li paga. Io credo che il sindacato di oggi è questo.
Registrato
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #20 inserito:: Giugno 02, 2010, 20:51:22 »

e cosa ci guadagnerebbero? ma non siamo noi che li paghiamo i sindacati?
« Ultima modifica: Giugno 02, 2010, 20:52:10 da gianni il vecchio » Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #21 inserito:: Giugno 02, 2010, 20:56:07 »

inoltre, se davvero fosse come dici tu a cosa serve dare indietro la tessera, farebbero lo stesso quello che gli pare. invece con una opposizione interna costruttiva di brave persone come te si potrebbe cambiare l'andazzo e fare davvero una opposizione all'azienda
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #22 inserito:: Giugno 02, 2010, 20:58:19 »

scommetto che tu sei arrabbiato con loro perche non sono riusciti ad accontentarti. se posso e se vuoi, in cosa non ti hanno accontentato?
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
Se7en
Utente non iscritto
« Risposta #23 inserito:: Giugno 02, 2010, 21:44:26 »

Hai ragione i sindacati non decidono fanno solo accordi, in segreto, con chi comanda per poi sbandierare una finta opposizione (scioperi ecc) con chi li paga. Io credo che il sindacato di oggi è questo.

Gia', e' proprio questo. Vedi negli scioperi che si possono attuare con l'attuale normativa, il risultato e' questo:

-  L'azienda risparmia soldi.

- Tu ci rimetti parecchi soldi ( tanti rapportati allo stipendio)

-  I sindacati se tanti polli lo fanno, possono contrattare meglio la loro posizione all'interno dell'azienda, per loro stessi, e per gli amici piu' intimi..
Registrato
generazione58
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 388


« Risposta #24 inserito:: Giugno 03, 2010, 18:37:10 »

scommetto che tu sei arrabbiato con loro perche non sono riusciti ad accontentarti. se posso e se vuoi, in cosa non ti hanno accontentato?


Dacci un taglio Gianni, non si può difendere l'indifendibile.
In questi giorni è stato presentato un decreto legge che ci penalizza in diversi modi e per questioni importanti, per esempio l'eliminazione dell'IPOST o la nascosta riforma previdenziale che allunga di un anno la vita lavorativa e i sindacati non si sono fatti sentire minimamente.
Non è una vergogna?
Registrato

«L'esperienza è il tipo di insegnante più difficile. Prima ti fa l'esame, poi ti spiega la lezione.» (Oscar Wilde)
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #25 inserito:: Giugno 03, 2010, 18:47:45 »

puo darsi, ma di contro abbiamo cose che in una azienda privata se le sognano di notte, ee questo merito non e di sicuro degli operai
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
razor 82
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 2681


Il primo sindacato in Poste Italiane


« Risposta #26 inserito:: Giugno 04, 2010, 13:52:33 »

puo darsi, ma di contro abbiamo cose che in una azienda privata se le sognano di notte, ee questo merito non e di sicuro degli operai

se contuinua cosi tra poco avremo un bel paio di C....... dopo che dirai?
Registrato

Il leccaculismo è una pratica sempre molto diffusa, cui si dedica una folta schiera di sbavanti mezzecalzette; donnette e uomini inclini al baciastivali.

Costoro, privi di qualsiasi decente dote per emergere, si rifugiano in quella che è diventata una vera e propria disciplina di vita: la leccata
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #27 inserito:: Giugno 04, 2010, 14:52:37 »

non so cosa sia i C e comunque forse tu lo avrai, io no.  e se non ci ragionassi con i C forse riusciresti ad apprezzare quello che gli altri ci invidiano
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
PattyPT
Newbie
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 57


« Risposta #28 inserito:: Giugno 04, 2010, 20:43:46 »

Cosa ci invidiano?
Registrato

Per non sapere ne leggere e ne scrivere.... vado a recapitare!
(Commissario Montalbano dixit)
speedycad
Full Member
***
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 690



« Risposta #29 inserito:: Giugno 04, 2010, 22:37:43 »

scommetto che tu sei arrabbiato con loro perche non sono riusciti ad accontentarti. se posso e se vuoi, in cosa non ti hanno accontentato?
Anche se sono sicuro che non mi crederai io non ho chiesto nessun favore, comunque hai ragione quando scrivi che noi rispetto a molte aziende private abbiamo molti privilegi ma i sindacati di oggi non li sanno mantenere in poche parole non valgono nulla. Lo so che mandare la disdetta non serve a nulla.
Registrato
Pagine: [1] 2   Vai su
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!