Mondoposte.it
Luglio 05, 2020, 00:33:01 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]   Vai giù
  Stampa  
Autore Discussione: Black-out sistema informatico  (Letto 1140 volte)
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
wlinux
Newbie
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 2


« inserito:: Giugno 28, 2011, 21:48:49 »

Vorrei esprimere qualche considerazione sul recente blocco del sistema informatico, di cui si è scritto molto poco in questo forum, ma che giustamente ha avuto molto risalto sui media e resta un fatto grave per un'azienda come Poste italiane,anche per le conseguenze in termini di cause,risarcimenti agli utenti ecc...
Uno spunto ulteriore per scriverne me lo ha dato questo interessante articolo, http://www.corrierecomunicazioni.it/index.php?section=news&idNotizia=80006, che contribuisce a spiegare una delle possibili cause che hanno determinato il black-out. L'articolo è stato scritto in tempi "non sospetti", dato che risale all'anno scorso.
Anche non volendolo prendere per oro colato, non è difficile credere che il suo contenuto sia molto verosimile. Il fatto che Poste (così come molte altre società) tendono a risparmiare il più possibile sulle risorse informatiche (e umane) mi sembra evidente (basta solo vedere,banalmente, le macchine "preistoriche" che abbiamo in ufficio  Grin). Dovrebbero essere le risorse fondamentali, le colonne portanti dell'azienda ed invece sono considerate come costi su cui tagliare sempre di più. La conseguenza di queste gare al ribasso sono quelle di avere software e sistemi non all'altezza della situazione, perchè sviluppare software di alta qualità e testarlo in modo accurato costa molto (ed evidentemente per qualcuno è una spesa inutile)! E questo sembra sia successo proprio con SDP. Mi sorprende che in questi madornali errori possa cadere un'azienda che fa un'utile di un miliardo di euro! C'è da augurarsi solo che questo sia servito da lezione e non si ripeta più in futuro (speriamo in bene ora che si riavvicina l'inizio del mese!)
Le cause tecniche del black-out non sono molto chiare,dall' "esterno". Sembra che tutto sia sorto da una criticità ai mainframe centrali Ibm e che SDP non abbia fatto altro che aggravare la situazione. Esso per funzionare si appoggia ad una piattaforma di "cloud computing" e, se manca il collegamento con gli application server, si blocca del tutto: non si può nemmeno aprire il roller cash e chiudere l'operazione o la sessione dell'operatore! Tutto questo non mi sembra ragionevole, i client degli uffici dovrebbero poter lavorare il più possibile in modo autonomo anche in assenza di collegamento, usando meccanismi di cache locali e comunicazione asincrona con i server. Il cloud computing, l'ultima "moda informatica", porta tanti vantaggi e sicuramente avrà degli sviluppi molto importanti in futuro, ma comporta anche degli svantaggi e abbiamo visto quali possono essere!
C'è qualche frequentatore di questo forum che lavora in Tecnologie dell'informazione? Sarebbe interessante poter sentire l'opinione di qualcuno che conosce la situazione più da vicino.
Registrato
AlanFord
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 392



« Risposta #1 inserito:: Giugno 28, 2011, 22:47:34 »

Ho degli amici che lavorano in filiale e si occupano proprio di sdp. Naturalmente, nonostante l'amicizia, tengono la bocca abbastanza cucita, ma in uno scambio di opinioni a cena ho cercato informazioni, visto che lavoro in ufficio postale e volevo capire il motivo del blocco. Qualcosa (qualcosina) mastico di pc e quindi esponendo quelli che per me erano state le cause del blocco, mi stato detto che uno dei motivi è stato quello degli accessi contemporanei; SDP  ne sopporta circa 8000, mentre nelle giornate di inizio mese, anche a causa del passaggio ad SDP degli uffici doppio turno, gli accessi contemporanei sono stati molto più di 8000. Questa una delle cause, per il resto come ripeto, non ho saputo altro. Ora quel buco è stato riparato, per altro stanno ancora lavorando consapevoli comunque di essere sulla buona strada; lo vediamo anche da come si comporta ora il sistema che è più stabile e fluido.
Un saluto
Registrato
Pagine: [1]   Vai su
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!