Revoca domiciliazione per chiusura conto

(1/2) > >>

ga:
Salve a tutti da un ex postale (postecom, per la precisione).
Mi trovo nella situazione di dover revocare una domicilizione con addebito sul conto bancoposta per poter chiudere successivamente il conto.
Detto così sembra una sciocchezza, ma nella realtà dei fatti non lo è.

La domiciliazione è nata per i pagamenti delle rate della macchina a favore di una finanziaria, la CONSUM.IT, gruppo Montepaschi. Questi pagamenti sono terminati ormai nell'ottobre 2010, quindi sulla posizione relativa al rid non ci sono stati più movimenti da allora.

Da parte degli operatori bancoposta (gli sportellisti dell'ufficio postale) pare che non sia possibile estinguere o revocare la posizione.
Sostengono che debba essere la consumit a procedere con l'estinzione; ovviamente ho chiamato la consumit e mi hanno detto che la revoca deve farla la banca...
Bene, sono fra l'incudine e il martello. Intuitivamente mi viene da dire che la revoca possa essere fatta direttemente da me al bancoposta, comunque...

Chiedo a qualche esperto lettore del forum di pratiche bancoposta quale sia la procedura certa per revocare una domiciliazione (irrevocabile, secondo bancoposta) senza coinvolgere la finanziaria controparte.

Un ringraziamento anticipato a chiunque voglia e possa dare info utili.
Grazie.

g.

MARGOTTT_IT:
LA REVOCA ANCORA ATTIVA DI UNA DOMICILIAZIONE X QUANDO NE SO IO LA FA LA BANCA O LA POSTA. DIPENDE DOVE HAI IL CONTO ......

PER CHIUDERE UN CONTO NON CI DEVONO ESSERE DOMICILIAZIONI ATTIVE ,
LA DISATTIVAZIONE LA PUOI FARE CONTESTUALMENTE ALLA CHIUSURA DEL CONTO !!!

ga:
Grazie per la risposta.

In effetti non ci devono essere domiciliazioni attive per chiudere un conto.
Le dom. attive le ho fatte revocare all'ufficio postale.

Per la CONSUM.IT pare non sia possibile: mi è stato mostrato un foglio in cui c'era un elenco con le aziende domiciliabili e a fianco alla CONSUM.IT c'era la nota che la revoca va inoltrata alla società creditrice.

A fine giugno ho inviato raccomandata A/R alla consumit con la richiesta di revoca, hanno ricevuto il 30/06, darò loro un 30gg per procedere e ai primi di agosto torno in uff.pos. per capire com'è la situazione.

Saluti,
g.

AlanFord:
Il conto può essere chiuso anche con domiciliazioni attive. Il modulo di chiusura riporta espressamente che il cliente chiede di estinguere le domiciliazioni (così come evetuale bancoposta online, bancoposta telefonico, assegni già distrutti e non riconsegnati, ecc).
Nel mio ufficio procedo io alla chiusura dei conti e non ho avuto nessun ritorno di documentazione per "domiciliazioni non chiuse".
Solo per chi ha il Telepass è necessario recarsi al punto Blu, restituire il transponder e riporatre copia della revoca in ufficio, per poterla allegare alla chiusura conto, cisto che il TSC vuole la conferma.
Un saluto

ga:
Ciao AF,
grazie per aver risposto con la tua competenza...

A questo punto mi chiedo:
1) Sul conto avevo altre domiciliazioni, che sono state estinte una per una, attraverso dei moduli prestampati. Ma se ho capito bene avremmo potuto risparmiarci (io e la solerte sportellista) la compilazione di tutte quelle revoche... basterà il modulo di chiusra conto... o no?
2) Io il modulo di chiusura conto non l'ho ancora mai visto, magari la prox volta che vado chiedo di poterlo vedere e far verificare allo sportellista la richiesta di revoca "urbi et orbi" di tutte le domiciliazioni.
3) Ma perché non ti fai trasferire un mesetto all'UP di Ladispoli (dove abito) oppure all'UP di Viale Europa 190 (dove ho il conto) ?  ;) Mi chiudi il conto e poi te ne torni. Sei troppo efficiente e competente, ci vorrebbe un AlanFord in ogni UP d'Italia.

Grazie e ciao,
g.

Navigazione

[0] Indice dei messaggi

[#] Pagina successiva