Mondoposte.it
Novembre 24, 2020, 05:08:17 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]   Vai giù
  Stampa  
Autore Discussione: COMUNICAZIONE INTERNA  (Letto 8938 volte)
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
Angelo64
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 6952



« inserito:: Giugno 06, 2012, 06:36:17 »

                                                                      MALATTIA
Il Decreto Ministeriale 26.2.2010 ha definito le modalità per l’invio all’INPS dei dati relativi alle certificazioni di malattia, ribadendo l’obbligo di rilascio dei certificati con modalità esclusivamentetelematica.
Fatta eccezione al momento per:
- i certificati rilasciati dal Pronto Soccorso
- i certificati di ricovero o Day Hospital
- i certificati rilasciati da medici specialisti non convenzionati per una durata non superiore a  10GG. purché siano relativi al primo o secondo evento di malattia dell’anno.
Il dipendente è tenuto a comunicare al Responsabile dell’UP l’assenza per  malattia immediatamente e comunque all’inizio dell’orario di lavoro del giorno stesso in cui si verifica, anche nel caso di eventuale prosecuzione di tale assenza, salvo l’ipotesi di comprovato impedimento.
Entro  2giorni dall’inizio della malattia il dipendente dovrà comunicare il numero di protocollo del certificato medico telematico.

Si precisa che  il lavoratore in malattia è tenuto a trovarsi nel domicilio dichiarato dalle ore  10alle  12e dalle  17alle  19in ciascun giorno anche se domenicale o festivo.
L’eventuale assenza nelle fasce orarie per visite prestazioni o accertamenti specialisticiha carattere di eccezionalitàe il lavoratore è tenuto a darne preventiva comunicazione (entro le ore  16.00del giorno precedente se l’allontanamento è previsto nella fascia antimeridiana ed entro le ore  09.00se l’allontanamento è previsto in fascia pomeridiana).
Al rientro in ufficio dovrà fornire il giustificativo dell’allontanamento, con la specifica dell’orario che sarà inviato dal Responsabile puntualmente al Servizio Risorse Umane di Filiale.
« Ultima modifica: Giugno 06, 2012, 06:41:08 da Angelo64 » Registrato

la certezza è degli sciocchi, ma nel dubbio la precauzione è dei furbi
Angelo64
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 6952



« Risposta #1 inserito:: Giugno 06, 2012, 06:47:15 »

                                                                     LEGGE 104
•  Il Lavoratore per poter fruire dei benefici previsti dalla L. 104 art.33 c.3 e/o c.6 deve presentare domanda all’INPS di zona (riferita alla residenza del lavoratore) e  consegnare,  successivamente,a questo R.U. di Filiale, copia della domanda protocollata e timbrata dall’INPS – corredata della copia del verbale ASL di certificazione art. 33 c. 3 e/o c.6.
•  La programmazione della fruizione deve essere comunicata al DUP entro il mese antecedente a quello di riferimento;

                                                                     LEGGE 388
•  Dal 1° gennaio 2011, il lavoratore per poter usufruire del congedo straordinario deve presentare domanda alla sede INPS di zona (riferita alla residenza del lavoratore) secondo le procedure di seguito descritte e consegnare, successivamente, copia della domanda protocollata e timbrata dall’INPS – corredata di tutta la documentazione allegata alla stessa a questo Servizio RU di Filiale.
•  In particolare nella compilazione del modulo dovrà  essere specificato il/i periodo/i di congedo richiesto/i, che, in caso di modifica dovranno essere oggetto di una nuova domanda a rettifica della precedente. Il congedo può inoltre essere richiesto solo per periodi successivi alla data di presentazione della domanda all’INPS.
•  Ribadiamo che il lavoratore è tenuto a comunicare all’INPS ed all’azienda ogni eventuale variazione delle notizie e delle situazioni dichiarate entro e non oltre 30 giorni dall’avvenuto cambiamento, con particolare riferimento:
      all’insorgenza del ricovero a tempo pieno del disabile;
      alla revisione del giudizio di gravità dell’handicap o di cessazione della condizione di handicap grave;
      alle modifiche dei periodi di congedo richiesti;
      all’avvenuto decesso del disabile.
•  Le dichiarazioni false, oltre a determinare la decadenza dei benefici, hanno anche una rilevanza penale. In caso di perdita del  diritto, l'INPS invierà al lavoratore e al datore di lavoro le comunicazioni di cessazione che indicheranno la data di fine autorizzazione.
Si segnalano infine alcuni dati da inserire negli appositi campi del modulo INPS: matricola INPS dell’Azienda: 7042458431 sede di Roma EUR (cod. 7001) settore di appartenenza: CSC 20102 Enti pubblici esercenti attività del ramo industriale.
Registrato

la certezza è degli sciocchi, ma nel dubbio la precauzione è dei furbi
Angelo64
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 6952



« Risposta #2 inserito:: Giugno 06, 2012, 06:59:03 »

                                                                           LEGGE 53/00 art. 3

                                 (DISPOSIZIONI PER IL SOSTEGNO DELLA MATERNITA’ E DELLA PATERNITA’)

•  Congedo Parentale:
−  i lavoratori interessati sono tenuti a fornire al  datore di lavoro un preavviso di almeno 15 giornirispetto all’inizio del congedo stesso;
−  Per la fruizione del congedo parentale il lavoratore dovrà darne comunicazione all’INPS in via telematica compilandoil Mod.
AST/FAC – Cod. SR23 disponibile nel sito dell’Istituto, successivamente, stampare il modulo e firmarlo, stampare la ricevuta e consegnare la documentazione al Direttore, il quale provvederà ad inoltrarla con raccomandata al Servizio R.U.
La documentazione potrà essere anticipata al  fax della collega di riferimento del Servizio Risorse Umane.

•  Malattia Bambino:
−  La comunicazione della malattia del figlio deve essere inoltrata tempestivamente dal Direttore al  fax della collega di riferimento
del Servizio Risorse Umane;
−  Successivamente, dovrà essere inviato l’Allegato 9debitamente compilato (riportante anche la firma dell’altro genitore)  corredato
dal  certificato medico  rilasciato da un medico  specialista del Servizio Sanitario Nazionaleo con esso convenzionato, con raccomandata al Servizio R.U.
Registrato

la certezza è degli sciocchi, ma nel dubbio la precauzione è dei furbi
Angelo64
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 6952



« Risposta #3 inserito:: Giugno 06, 2012, 07:03:42 »

                                                        LEGGE 53/2000 art. 4 - (Art.34 c.V C.C.N.L.)

•  Permesso Retribuito:Il dipendente interessato, dovrà produrre al  fax della collega di riferimento del Servizio Risorse Umane;
−  la certificazione medica rilasciata dal medico specialista del SSN o con esso convenzionato o dal medico di medicina generale o dalla
struttura sanitaria nel caso di ricovero o intervento chirurgico, riportante la dicitura:“grave patologia/infermità” del parente;
−  la richiesta scritta riportante: nome, cognome, UP, l’articolo di legge (Art. 34 c.V CCNL), specificando che trattasi di “Permessi
Retribuiti”, indicando i giorni di cui si vuole usufruire.

                                                                      Articolo 34 c.XI C.C.N.L.

•  Permesso Non Retribuito:  Il dipendente interessato, dovrà produrre al  fax della collega di riferimento del Servizio Risorse Umane;
−  la richiesta scritta riportante: nome, cognome, matricola, UP, l’articolo di legge (Art. 34 c.XI CCNL), specificando che trattasi di “Permessi Speciali Non Retribuiti”, indicando i giorni di cui si vuole usufruire.

“Permessi Speciali Non Retribuiti  possono essere richiesti solo dopo aver fruito delle ferie maturate nell’anno in  corso al
momento della richiesta e devono pervenire in temporagionevole per permettere la lavorazione della richiesta”

                                                                      Articolo 35 c.I C.C.N.L.

•  Le richieste di  aspettativa non retribuitaper gravi e documentati motivi di famiglia, possono essere richiesti solo dopo aver fruito
delle ferie maturate nell’anno in corso al momento  della richiesta e devono pervenire in tempo ragionevole per permettere la
lavorazione delle stesse.
« Ultima modifica: Giugno 06, 2012, 07:06:44 da Angelo64 » Registrato

la certezza è degli sciocchi, ma nel dubbio la precauzione è dei furbi
VENUSIA
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 497


« Risposta #4 inserito:: Giugno 06, 2012, 14:44:14 »

Grazie Angelo ...
Registrato
Angelo64
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 6952



« Risposta #5 inserito:: Novembre 16, 2013, 12:16:51 »

Comunicato al personale

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI PENSIONE

L’INPS, con la Circolare n.103 del 2013, ha definito un nuovo assetto organizzativo relativo alla liquidazione delle pensioni,  decentrando  presso  le  Direzioni Metropolitane e Provinciali competenti per  la gestione previdenziale dei dipendenti della Ferrovie dello Stato S.p.A. (c.d.  “Poli Ferrovie dello Stato S.p.A.”) le attività  relative al Gruppo Poste Italiane  in precedenza attribuite al Polo Specialistico della Filiale di coordinamento Roma Eur.

Per effetto di tale decentramento, le operazioni di liquidazione delle pensioni dei dipendenti di Poste Italiane S.p.A. e delle Società  del  Gruppo Poste Italiane iscritte al Fondo di Quiescenza Poste (ex IPOST) sono effettuate dalle citate Direzioni Metropolitane e Provinciali, in base alla regione di residenza dell’iscritto.

Pertanto, anche le domande di pensionamento presentate dai dipendenti delle Società suddette dovranno essere inoltrate,  esclusivamente per via telematica, alle sopra indicate Direzioni Metropolitane e Provinciali, competenti in base alla residenza dell’iscritto.

In calce riportiamo l’elenco delle sedi INPS interessate.

La Filiale di coordinamento di Roma Eur continuerà a svolgere tutte le attività connesse alla gestione del conto assicurativo (ad  esempio, ricongiunzioni, riscatti, prosecuzione volontaria), alla liquidazione delle pensioni le cui domande siano state presentate entro il 30/06/2013 ed al rilascio delle certificazioni del diritto a pensione ai soggetti interessati dalle c.d. “salvaguardie” dall’incremento dei requisiti di accesso al sistema pensionistico.

Regione di residenza dell’iscritto                                   Direzione
                                                                                       Metropolitana/Provinciale competente

Valle D’Aosta                                                                    Torino
Piemonte                                                                          Torino
Lombardia                                                                        Milano
Veneto (prov. Verona, Vicenza, Rovigo)                              Verona
Veneto (prov. Venezia, Padova, Treviso,
Belluno)                                                                           Venezia
Trentino Alto Adige                                                           Bolzano
Friuli Venezia Giulia                                                          Trieste
Liguria                                                                             Genova
Emilia Romagna                                                                Bologna
Toscana                                                                           Firenze
Umbria                                                                            Ancona
Marche                                                                            Ancona
Abruzzo                                                                            Roma
Lazio                                                                                Roma   
Molise                                                                              Napoli
Campania                                                                         Napoli
Puglia                                                                               Bari
Basilicata                                                                          Reggio Calabria
Calabria                                                                            Reggio Calabria
Sicilia                                                                               Palermo
Sardegna                                                                          Cagliari

Roma, 14 novembre 2013      Risorse Umane e Organizzazione
Registrato

la certezza è degli sciocchi, ma nel dubbio la precauzione è dei furbi
Pagine: [1]   Vai su
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!