Mondoposte.it
Gennaio 27, 2021, 18:27:47 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1] 2   Vai giù
  Stampa  
Autore Discussione: verso il rinnovo del CCNL dei dipendenti Poste Italiane  (Letto 13765 volte)
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
tabellarius
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 148



« inserito:: Febbraio 06, 2010, 18:55:34 »

Citazione
Il sindacato, insieme alle altre OO.SS. del settore, sta mettendo a punto la piattaforma unitaria da sottoporre all'azienda per rinnovare il contratto nazionale scaduto a dicembre 2009. 
Le segreterie nazionali delle OO. SS. stanno lavorando per mettere a punto l'ipotesi di una piattaforma unitaria da sottoporre ai lavoratori ed all'azienda Poste Italiane S.p.A., per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro dei suoi 150.000 dipendenti e delle altre aziende del gruppo, nella prospettiva di un parallelo sviluppo del contratto nazionale del settore, come previsto dalle ultime intese interconfederali.
La strada scelta potrà essere quella di procedere in un percorso proiettato anche a mettere a punto un contratto nazionale di settore unico per tutte le imprese operanti nei servizi della comunicazione postale: impresa ardua tenuto conto delle pluralità dei soggetti e delle diversità esistenti sul piano dell'ordinamento sia normativo, sia salariale, fra lavoratori postali, delle multinazionali del recapito e delle agenzie private di recapito postale.
Il rinnovo contrattuale dovrà tenere conto dell'impatto ordinamentale che il Parlamento ed il Governo vorranno dare all'attuazione della direttiva comunitaria europea che ci impone la liberalizzazione completa del mercato postale entro la data del 1 Gennaio 2011, soprattutto per quel che concerne il Servizio Universale (percorso ancora tutto da scoprire).
Gli appetiti del mondo dell'imprenditoria privata sembrano infatti orientati ad appropriarsi solo dei filoni più redditizi del recapito postale e cioè il traffico commerciale veloce e quello delle aree a più vasta densità della popolazione.
La diversificazione dei servizi accessori al recapito postale appare una delle chiavi di interpretazione dello sviluppo del settore (es. l'iniziativa Poste italiane di consentire il pagamento dei contrassegni direttamente attraverso il terminale del portalettere per i possessori di Sim Postemobile), in questo caso l'azienda sfrutterà le proprie capacità di interconnettere le diverse piattaforme di cui dispone attraverso le imprese del gruppo Poste (Postel - Postecom - Postemobile per citarne solo alcune).
Il sindacato, prendendo atto della portata dei problemi aderenti la costituzione del contratto unico di settore e della prevedibile dilatazione dei tempi, sottoporrà a Poste italiane una piattaforma rivendicativa tesa a consentire la conclusione di un rinnovo contrattuale completo (parte normativa e parte economica) per il triennio 2010 - 2011 - 2012.
L'imperativo, nell'interesse dei lavoratori, rimane quello di fare in fretta e bene.

http://www.uglcomunicazioni.it/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=601
Registrato

gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #1 inserito:: Febbraio 06, 2010, 19:13:36 »

questo rinnovo dovrebbe avere una particolarita, nessun aggiornamento pecuniario a tutti quelli che negli ultimi 12 mesi hanno dato indietro la tessera o hanno "sparlato" dei loro sindacati. se vogliono un nuovo contratto che ci mandino i loro avvocati a contrattare.
provocazione, ma mica poi tanto.

chi sputa su questo operato non dovrebbe poi beneficiare dei loro sforzi

se lo fanno, beh, questo si chiama ipocrisia
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
TTA0
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 255


« Risposta #2 inserito:: Febbraio 07, 2010, 09:40:44 »

Diciamo che ti do ragione al 70%.
Spesso la disdetta non la dai al sindacato ma al sindacalista. Perciò anche il sindacato dovrebbe chiedersi il perchè della disdetta, e credo che, al di la di risparmiare 15 € al mese, spesso motivi validi ce ne siano.
Registrato
Cloude
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 232


« Risposta #3 inserito:: Febbraio 07, 2010, 09:47:24 »

Diciamo che ti do ragione al 70%.
Spesso la disdetta non la dai al sindacato ma al sindacalista. Perciò anche il sindacato dovrebbe chiedersi il perchè della disdetta, e credo che, al di la di risparmiare 15 € al mese, spesso motivi validi ce ne siano.

Che sindcato hai che ti fa pagare 15 euro al mese?
Quoto a pieno Gianni!!!
Penso che gente che parla di avvocati e feserie varie è gente insoddisfatta dalla propria vita personale e molto frustrata... Non vede mai i passi in avanti che abbiamo fatto come azienda e che ogni tanto non si volta indietro per vedere chi stà peggio di noi e la realtà che ci circonda...
Pensate che avete un lavoro e pensate a tenervelo stretto...
Registrato
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #4 inserito:: Febbraio 07, 2010, 09:57:47 »

ti diro cosa una volta mi rispose un sindcalista di quelli che stanno a roma. mi disse: "se vuoi puoi anche dare indietro la tessera, nessuno ti obbliga a tenerla se non la vuoi, ne la mia ne quella di un altro, ma il sindacato puo fare qualche cosa solo se ha grandi numeri. gli iscritti vanno e vengono, non è un grosso problema per noi, in fondo io ci resto e ne godo i benefici, chi se ne va ottiene solo, e non sempre, l'indebolimento del potere di contrattazione, che si basa sopratutto sui numeri di rappresentati, anche se poi ne gode pure lui defraudando il risultato a chi combatte e si da da fare.

in poche parole, se hai quello che hai lo devi ai sindacati. da solo non ti ca....ero neppure e poi alla fine "rubi" il risultato a chi ha lottato per averlo.

io la trovo una bella e buona ipocrisia. come ho detto prima, niente tessera? niente benefici.

ma, siccome, contrariamente a chi straccia la tessera perche non e stato accontentato, quindi puro e semplice egoismo, chi combatte per certi diritti non lo fa "solo" per un tornaconto personale ma è animato da spiriito di appartenenza e ricerca del benessere di tutti, pur sapendo che certa gente NON SE LO MERITEREBBE, estende i benefici ottenuti a TUTTI, pure agli ipocriti.

non dico che non ci siano sindacalai  poco raccomandabili, anche se poi e solo un punto di vista, ma se non vado errato si fanno delle elezioni, basta non votarli, e votare chi meglio ti rappresenta e il gioco e fatto.

vedi, quel tipo di sindacalista sta su perche fa favori, lo sai anche tu, per uno che va via ne trova subito uno da piazzare, percui il numero non cambia. le poste sono piene di gente "che chiede favori" per poi, se non è accontentato, parlare male del sindacalaio che non e riuscito a soddisfare la richiesta.

niente di personalem eh
« Ultima modifica: Febbraio 07, 2010, 09:59:03 da gianni il vecchio » Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #5 inserito:: Febbraio 07, 2010, 10:00:43 »

io ne pago 11
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
Cloude
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 232


« Risposta #6 inserito:: Febbraio 07, 2010, 10:06:14 »

Gianni, tutto corretto ciò che affermi...
Chi vuol stracciare la tessera, che lo faccia pure...
Sono loro i primi a volere che le poste funzionino in maniera clientelare cercando sempre favoritismi personali...
Ma che vadino dall'avvocato o dove gli pare a loro, spero solo che non sprechino soldi inutilmente qualora ce ne vogliano...
Sai cosa mi fa rabbia? Che chi parla così è gente appena assunta, arrivista, che non conosce lo spirito del sacrificio (nessuno li ha mai obbligati a lavorare in Poste) e che vuole tutto e subito...
Sono contento solo che non sono io ai vertici dell'azienda se no molti di questi individui nello studio dell'avvocato potrebbero portarci la propria residenza  Wink Wink Wink
« Ultima modifica: Febbraio 07, 2010, 10:20:09 da Cloude » Registrato
TTA0
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 255


« Risposta #7 inserito:: Febbraio 07, 2010, 10:55:25 »

Confermo la mia condivisione al 70%.
E' pacifico che più si da consenso al sindacato, più aumenta la forza contrattuale del lavoratore, però, quando si vedono certe "cosette" che tutti noi conosciamo e vediamo, non me la sento di biasimare chi straccia la tessera.
Registrato
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #8 inserito:: Febbraio 07, 2010, 11:03:38 »

trascinato dal momento di rabbia non lo biasimo, ma non serve a nulla, anzi
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
TTA0
Jr. Member
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 255


« Risposta #9 inserito:: Febbraio 07, 2010, 11:15:16 »

Beh, intanto ti sfoghi e non è poco, inoltre ritengo che il dissenso meriti lo stesso rispetto del consenso e viceversa.
Registrato
razor 82
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 2733


Il primo sindacato in Poste Italiane


« Risposta #10 inserito:: Febbraio 07, 2010, 13:18:47 »

Vedere una cosa buona  e non vederne 99 non buone su 100 cose è da stolti.
Registrato

Il leccaculismo è una pratica sempre molto diffusa, cui si dedica una folta schiera di sbavanti mezzecalzette; donnette e uomini inclini al baciastivali.

Costoro, privi di qualsiasi decente dote per emergere, si rifugiano in quella che è diventata una vera e propria disciplina di vita: la leccata
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #11 inserito:: Febbraio 07, 2010, 13:33:24 »

quale sarebbe quella buone e quali quelle sbagliate
1.
2.
3.
ecc ecc
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
razor 82
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 2733


Il primo sindacato in Poste Italiane


« Risposta #12 inserito:: Febbraio 07, 2010, 13:38:35 »

Scherzavo. Pensavo stessi rispondendo in un'altra discussione.
Registrato

Il leccaculismo è una pratica sempre molto diffusa, cui si dedica una folta schiera di sbavanti mezzecalzette; donnette e uomini inclini al baciastivali.

Costoro, privi di qualsiasi decente dote per emergere, si rifugiano in quella che è diventata una vera e propria disciplina di vita: la leccata
speedycad
Full Member
***
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 709



« Risposta #13 inserito:: Febbraio 07, 2010, 15:32:01 »

questo rinnovo dovrebbe avere una particolarita, nessun aggiornamento pecuniario a tutti quelli che negli ultimi 12 mesi hanno dato indietro la tessera o hanno "sparlato" dei loro sindacati. se vogliono un nuovo contratto che ci mandino i loro avvocati a contrattare.
provocazione, ma mica poi tanto.

chi sputa su questo operato non dovrebbe poi beneficiare dei loro sforzi

se lo fanno, beh, questo si chiama ipocrisia


Hai pienamente ragione su quello che dici, ma secondo te nel contratto ancora in vigore ci sono cose che non vanno oppure va tutto bene? Mi riferisco dal lato della categoria che tu non ami molto.
Registrato
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #14 inserito:: Febbraio 07, 2010, 17:25:55 »

niente va mai bene, e tutto si puo cambiare
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #15 inserito:: Febbraio 07, 2010, 17:26:58 »

non sapevo ci fossero anche delle categorie in posta oltre ai livelli
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
speedycad
Full Member
***
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 709



« Risposta #16 inserito:: Febbraio 08, 2010, 21:14:16 »

non sapevo ci fossero anche delle categorie in posta oltre ai livelli

Mi riferisco alle tue parole scritte tempo fa relativamente alla "categoria dei portalettere".
Registrato
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #17 inserito:: Febbraio 08, 2010, 21:38:32 »

io parlavo degli uomini non del livello professionale
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
kingofla
Full Member
***
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 732



« Risposta #18 inserito:: Febbraio 12, 2010, 10:45:37 »

Cacchio è già scaduto il contratto? Mi sembra ieri che l'avevano fatto nuovo, mizzeca...

Chissà che ci sarà di nuovo nel prossimo? Magari ci tolgono altri due giorni di ferie, e portano a 14 le ore di abbinamento obbligatorio.
Ma non siamo pessimisti, dai: i giorni di ferie in meno potrebbero essere 3 e il limite all'abbinamento completamente abolito.
Registrato

Caro Dio, tutta questa roba ce la siamo pagata noi, perciò grazie di niente.
(Matt Groening - The Simpson).
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #19 inserito:: Febbraio 12, 2010, 14:39:07 »

se lavorerete su 5 gg di ferie ne toglieranno 5, +0-
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
Zagor.m
Utente non iscritto
« Risposta #20 inserito:: Marzo 14, 2010, 17:42:06 »

Ho letto alcune bozze del nuovo contratto dal sito il postale su gli orari di lavoro, è prprio vero che siamo come i gamberi ,non miglioriamo mai l'orario di lavoro anzi, per la concorrenza e la liberalizzazione andiamo sempre peggio dobbiamo sacrificarci siamo carne da macello
Sono daccordo a lavorare su 5 giorni come i postini ma le notti obbligate questo proprio non le accetto dato che sono ben 27-28 anni che ho lavorato con turni notturni dai calcoli documentati ben 17000 ore di notturna circa 5 anni continuati di servizio notturno in 28 anni di servizio,si dovrebbe avere un ricambio fisiologico ma niente , dobbiamo arrangiarci noi e a 50 55 anni a risolvere le cose .
Il sindacato va in contrattazione e firma anche prima lo faceva e nessuno si lamenteva eravamo in tanti. Niente colpa al sindacato anzi è tutta nostra occhio però alle scelte perchè anche se rimanesse uno solo iscritto il sindacato deve, ha il dovere di tutalarlo come prima che beneficiavano i non iscritti ,discorsi assurdi che non si fanno in base alle tessere
Vorrei fare una proposta visto che siamo una grande famiglia perchè non si ruota tutti nei lavori in azienda  ??

Ragazzi questo dell'orario di lavoro è un tema spinoso i giovani per amor di patria non potranno farsi una famiglia regolare con pranzo e cena seduti al tavolo con i figli come ci hanno insegnato i nostri padri.
E' vero però che  negli anno 80 -90 i turni erono di gra lunga  notturni  in poste, ma  erano  di comodo e scelti dai colleghi stessi  per guadagnare tanto e farsi una casa e mandare i figli all'università non imposti da  mercato  .
chiudo  e riflettiamo prima di far proposte assurde ai lavoratori

ciao

zagor
« Ultima modifica: Marzo 14, 2010, 17:47:29 da Zagor.m » Registrato
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #21 inserito:: Marzo 14, 2010, 18:01:04 »

in 29 anni di servizio almeno uno delle due mangiate con i piedi sotto il tavolo non l'ho goduta.
mi pare ovvio, lavorando con i nostri orari, ciononostante ho una bella famiglia.
magari potessi farmi qualche notte, ma sai come si dice, chi ha il pane non ha i denti.
pero mi hai incuriosito, non ho mai fatto il calcolo ne delle ore di notturna ne dei km percorsi. mi ci mettero.

tornando alle bozze. le ho anche io. due, una su 5 giorni, una su 6 giorni. bisogna scegliere e tutte e due sono delle medaglie, cioe hanno due aspetti della cosa, uno positivo e uno negativo e qualsiasi cosa si scegliera ci saranno degli scontenti.

ruotare nei ruoli. assurdo tra colleghi con diverse mansioni che si considerano gli unici a mandare avanti la baracca
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
Se7en
Utente non iscritto
« Risposta #22 inserito:: Marzo 14, 2010, 20:36:59 »

se lavorerete su 5 gg di ferie ne toglieranno 5, +0-

Un'altra conquista sindacale..   Wink
Registrato
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #23 inserito:: Marzo 14, 2010, 20:42:34 »

beh, anche qui e solo un punto di vista, se la metti in matematica abbiamo solo che da guadagnarci, cosi facciamo molti piu giorni "senza lavorare"

o sbaglio
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
Se7en
Utente non iscritto
« Risposta #24 inserito:: Marzo 14, 2010, 20:49:24 »

Non lo so', non faccio il profeta, verifichero' vivendo ..  Smiley
Registrato
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #25 inserito:: Marzo 14, 2010, 21:48:18 »

è un conto matematico.
52 domeniche, 52 sabati, 25 gg di ferie, 6 fsopp, 8 feste comandate= 143 giorni in cui non si lavora

ora.
52 domeniche, 30 ferie, 6fsop, 8 feste comandate= 91 giorni in cui non si lavora
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
Se7en
Utente non iscritto
« Risposta #26 inserito:: Marzo 14, 2010, 21:52:13 »

Io non ragiono in maniera matematica. Le conclusioni le traggo alla fine,  e non mi riferisco solo ai giorni che +o- si lavora.
Registrato
Zagor.m
Utente non iscritto
« Risposta #27 inserito:: Marzo 15, 2010, 17:51:44 »

Dipende dai mestieri
e poi si lavora la giornata successiva alla notte i turni diventano di 7.12 min o di 6 ore percio se inizio alla 00 finisco alle 7.12 o 06 il giorno successivo sono a lavoro con pomeriggio o sera dipende dall'organizzazione   .
ti confondi con il vecchio turo in 4 con pomeriggio matt/notte con il libero della giornata successicva alla notte diversa è la cosa di km ne ho fatto anch'io se mi ci metto forse riesco a calcolarlo da messaggere  .
se smisti è una cosa te la passi di notte a chiuder cassette
pensiamo a chi lavora al computer la tanto amata nuova  videocodifica o i TSC e poi facciamo i conti  Cheesy
prima di parlare basta provare

Zagor
« Ultima modifica: Marzo 15, 2010, 18:06:08 da Zagor.m » Registrato
gianni il vecchio
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Sesso: Maschio
Messaggi: 16283



« Risposta #28 inserito:: Marzo 15, 2010, 18:15:59 »

comunque pare che a fare cinque giorni siano solo i postini del servizio universale, se non ho capito male la bozza di contratto
Registrato

La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che essere onesti sia inutile.
c.o.
Zagor.m
Utente non iscritto
« Risposta #29 inserito:: Marzo 15, 2010, 18:19:54 »

mizziga
cosa cambi farne 6 di notte

zagor
Registrato
Pagine: [1] 2   Vai su
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2009, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!